20:40 03 Agosto 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
0 16
Seguici su

Sul totale dei casi positivi al nuovo coronavirus, ben l'89% dei decessi è da ascrivere al Covid-19 e non ad altre patologie. Di Sars-CoV-2 si muore anche in assenza di altre patologie.

Una ricerca condotta in collaborazione tra Istat e Istituto superiore di sanità (Iss), ha rivelato che in 9 casi su 10 Covid-19 è stata la causa diretta responsabile del decesso, equivalenti all’89% dei decessi di persone positive al test Sars-CoV-2.

L’11% delle cause di decesso sono invece dovute ad altre patologie. Al primo posto le malattie cardiovascolari (4,6%), al secondo posto i tumori (2,4%) e al terzo posto le patologie del sistema respiratorio (1%), mentre altre cause sono state il diabete (06%) e le malattie dell’apparato digerente e le demenze.

La ricerca è stata condotta a partire da 4.942 schede di morte stilate dai medici e che fanno riferimento a soggetti “diagnosticati microbiologicamente con test positivo al SARS-CoV-2”.

Se si fa una analisi per fasce di età, si nota che la “quota di deceduti in cui COVID-19 è la causa direttamente responsabile della morte varia in base all’età, raggiungendo il valore massimo del 92% nella classe 60-69 anni e il minimo (82%) nelle persone di età inferiore ai 50 anni”.

Covid-19 fatale anche in assenza di concause

Ciò che lo studio rivela è che il virus uccide anche se non vi sono altre patologie:

“Covid-19 è una malattia che può rivelarsi fatale anche in assenza di concause. Non ci sono infatti concause di morte preesistenti a Covid-19 nel 28,2% dei decessi analizzati, percentuale simile nei due sessi e nelle diverse classi di età.”

Di recente l'Iss ha comunicato anche i dati statistici sul numero di bambini affetti dal nuovo coronavirus, salito all'1.8%.

Correlati:

Iss: tracce di Covid nelle acque di scarico di Milano e Torino già nel 2019
Studio Iss conferma, le zanzare non trasmettono il Covid-19
Coronavirus, ISS: bambini 1,8% dei casi in Italia
Tags:
ISTAT, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook