21:45 21 Ottobre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
0 50
Seguici su

Il corpo celesta denominato 2002 NN4 nel fine settimana sfiorerà la Terra. Pur essendo il suo passaggio previsto a distanza di sicurezza, la NASA e tutte le principali agenzie spaziali del mondo monitorano con attenzione questo asteroide per via delle sue inquietanti dimensioni.

Diametro stimato di 1.000 piedi, cioè più di 300 metri, praticamente tre campi di calcio messi in fila. Per fare una proporzione si pensi che sì, il meteorite che estinse i dinosauri circa 65 milioni di anni fa si stima avesse un diametro di 12 km, ma la cometa che si presume sia esplosa su Tunguska nel 1908 fosse di soli 50 metri e scatenò una forza equivalente ad almeno mille bombe atomiche di Hiroshima.

Si tratta di un oggetto molto particolare perché grande quasi il doppio della media degli altri asteroidi che circolano nel nostro Sistema solare.

Passerà a distanza di sicurezza nel fine settimana, si terrà a quasi 5 milioni di km da noi nel punto più vicino che si calcola verrà raggiunto alle ore 5.20 di sabato mattina (la distanza tra Terra e Luna è di 384mila km).

La magnitudine apparente (luminosità) sarà di H=20.1, quindi non sarà affatto visibile ad occhio nudo (Marte ha una magnitudine di 1,81, Mercurio 5,73, i satelliti minori di Giove sono intorno a 20).

2002 NN4 viaggia a circa 11 km al secondo, cioè quasi 40mila km all’ora e compie una intera orbita intorno al Sole ogni solamente 300 giorni, quindi possiamo definirlo un ‘habitué’ delle nostre parti, anche se, per fortuna, i calcoli degli scienziati dicono che non dovrebbe scontrarsi mai con noi. Per lo meno non nei prossimi secoli, pur la NASA lo classifichi come ‘Potentially Hazardous Asteroid’, cioè asteroide potenzialmente pericoloso. Il prossimo passaggio più ravvicinato avverrà esattamente tra 50 anni secondo i calcoli – il 6 giugno del 2070. In quella occasione si prevede passerà a soli un milione di chilometri e mezzo da noi.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook