13:40 08 Luglio 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
0 160
Seguici su

Sono tre i sintomi che dovrebbero far sospettare che un attacco cardiaco possa essere imminente, secondo il cardiologo Ulf Landmesser, che ne ha voluto parlare ai media tedeschi per la giusta profilassi da indicare ai lettori.

Il professor Ulf Landmesser, primario della Clinica cardiologica al Charité di Berlino, ha voluto ricordare, in un commento all'edizione tedesca di Focus, quali sono i tre sintomi con cui si può riconoscere un attacco cardiaco in avvicinamento e ai quali prestare attenzione per guadagnare i tempi necessari a salvarsi la vita.

  •     Pressione sul petto (“come se un elefante vi fosse seduto sopra”, ha esemplificato il professore)
  •     Dolore che si irradia al collo e al braccio sinistro
  •     A volte forte dolore addominale
“Se riscontate questi sintomi e magari percepite anche una mancanza di respiro o panico, allora fareste bene a chiamare immediatamente il pronto soccorso”, ha detto Landmesser.

In caso di dubbio, consiglia il noto cardiologo, sempre buona cosa è prendere un’aspirina.

“E’ la prima cosa che fa anche il medico del pronto soccorso quando arriva il paziente in sospetta patologia cardiaca. Il suo effetto fluidificante del sangue può dissolvere i coaguli nei vasi sanguigni che causano l’infarto”, ha spiegato il professore.

Il 40 percento di tutti i decessi in Germania sono dovuti a malattie cardiovascolari riferisce il giornale che ha intervistato il professore. Stime molto simili a quelle che riguardano l’Italia, dove le statistiche dicono che infarto e ictus rappresentino ogni anno addirittura il 44% delle cause di morte.

Gli specialisti della materia sono tutti concordi nell’affermare che riconoscere i sintomi dell’infarto per tempo aumenti drasticamente le possibilità di sopravvivenza.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook