05:00 02 Giugno 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
Coronavirus: superati i 4 milioni casi nel mondo (10-20 maggio) (103)
1151
Seguici su

L'epidemia COVID-19 è emersa per la prima volta nella provincia cinese di Hubei alla fine del 2019, prima di diffondersi in tutto il mondo per diventare una pandemia e innescare una corsa internazionale contro il tempo per sviluppare cure e vaccini.

Un gruppo di ricercatori ha pubblicizzato un farmaco attualmente in fase di sperimentazione presso un laboratorio cinese che, a detta loro, potenzialmente sarebbe in grado di porre fine all'epidemia di COVID-19, che è emersa per la prima volta a Wuhan in Cina alla fine dello scorso anno prima di evolversi in una pandemia globale, ha riferito AFP.

Secondo una ricerca pubblicata domenica sulla rivista scientifica Cell, gli scienziati affermano che i farmaci sviluppati presso l'Università cinese di Pechino potrebbero produrre un duplice effetto, abbreviando i tempi di guarigione per le persone infette dalla malattia respiratoria e fornendo un'immunità a breve termine dal virus.

Il farmaco ha avuto successo nella fase di sperimentazione sugli animali; Sunney Xie, direttore del Centro di innovazione avanzata per la genomica di Pechino, è stato citato dalla testata come una conferma.

"Quando abbiamo iniettato anticorpi neutralizzanti nei topi infetti, dopo cinque giorni la carica virale è stata ridotta di un fattore di 2.500. Ciò significa che questo potenziale farmaco ha un effetto terapeutico", ha detto Xie.

Una ricerca incentrata sugli anticorpi 

Nel loro lavoro, il team di Xie aveva isolato 14 anticorpi neutralizzanti dal sangue di 60 pazienti guariti.

Questi anticorpi sono in genere prodotti dal sistema immunitario umano come una barriera per impedire al virus di infettare una persona e il loro uso, sostengono il team, offre una potenziale "cura" per la malattia.

In un altro caso, il nuovo farmaco potrebbe offrire una protezione a breve termine contro il coronavirus, poiché la ricerca ha mostrato che i topi resistevano alle infezioni se quando gli veniva iniettato l'anticorpo neutralizzante.

Mentre gli attuali studi hanno dimostrato che il periodo di protezione per gli operatori sanitari potrebbe potenzialmente durare alcune settimane, Xie ha espresso la speranza che ulteriori studi possano estenderlo a diversi mesi.

I farmaci basati sull'uso di anticorpi hanno precedentemente avuto successo nel trattamento di virus come HIV, Ebola e sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS).

Sunney Xie ha aggiunto che il farmaco potrebbe essere pronto entro la fine dell'anno, in tempo per ogni possibile seconda ondata del virus, mentre il processo di sviluppo di un vaccino è più impegnativo.

Lo scienziato ha rivelato che la pianificazione di una sperimentazione clinica è già in corso e molto probabilmente verrà effettuata in Australia e altrove.

"Saremmo in grado di fermare la pandemia con un farmaco efficace, anche senza un vaccino", ha detto Xie.

La terapia con il plasma iperimmune e le cure a livello mondiale

Xie ha affermato che oltre 700 pazienti hanno ricevuto la terapia con la somministrazione di plasma iperimmune in Cina, mostrando "ottimi effetti terapeutici".

"Tuttavia, (plasma) è limitato nella fornitura", ha detto Xie.

La notizia arriva dopo che i funzionari sanitari cinesi hanno annunciato la scorsa settimana che il paese sta lavorando a cinque potenziali vaccini contro il coronavirus nella fase di sperimentazione umana, senza "reazioni avverse importanti" segnalate tra i 2.575 volontari che partecipano ai test di fase due.

Più di 100 vaccini per COVID-19 sono in sviluppo a livello globale, con diverse aziende e organizzazioni negli Stati Uniti e in tutto il mondo che stanno testando potenziali vaccini nell'uomo, tra cui Pfizer e il suo partner tedesco BioNTech e l'Università di Oxford e la italiana Irbm in collaborazione con AstraZeneca.

Tema:
Coronavirus: superati i 4 milioni casi nel mondo (10-20 maggio) (103)

Correlati:

Il coronavirus muta, ma non abbastanza velocemente da rendere il vaccino inutile – esperto russo
In Veneto medici e infermieri in lotta contro coronavirus riceveranno premio da 1.200€
Coronavirus in Russia: 299.941 contagi (+9.263), 2.837 decessi (+115), 76.130 guarigioni (+5.921)
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook