16:28 21 Ottobre 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
0 42
Seguici su

Il satellite meteorologico ESA Aeolus distribuirà pubblicamente i dati dei venti della Terra con una precisione mai raggiunta prima grazie allo strumento italiano LIDAR.

L’Agenzia Spaziale Europea (ESA) rende noto che da martedì 12 maggio i dati meteorologici sui venti raccolti dal satellite ESA ‘Aeolus’, sono ora distribuiti pubblicamente ai servizi di previzione e agli scienziati in meno di tre ore dall’avvenuta misurazione dallo spazio.

Aeolus è il primo satellite artificiale meteo in grado di analizzare le dinamiche dei venti sulla Terra, dallo Spazio.

A bordo del velivolo spaziale viaggia il LIDAR, light detection and ranging sviluppato e costruito in Italia da Leonardo con l’elaborazione dei dati del centro Esa-Esrin di Frascati che si occupa di gestire le missioni spaziali di ricerca e sorveglianza della Terra.

I dati saranno accessibili attraverso alcuni siti dedicati, come l’Aeolus Online Dissemination Centre, il servizio EUMETCast e attraverso il Global Telecommunication System (GTS).

Come funziona Aeolus

Il satellite è dotato di un doppio laser nella banda ultravioletta che vengono sparati verso le nuvole e da queste sono riflesse verso Aeolus che raccoglie la luce ultravioletta riflessa nel telescopio da 1,5 metri di diametro di cui è dotato.

Comparando la luce emessa con quella ricevuta, il satellite ESA è in grado di esaminare approfonditamente le caratteristiche dei venti che si trovano negli strati più alti della nostra atmosfera.

Il satellite è in orbita da circa 20 mesi e in tutto questo tempo le rilevazioni non sono state rese pubbliche per perfezionare il sistema e essere certi che le informazioni inviate dal sistema non siano soggette ad errori di calcolo da parte del sistema.

Correlati:

ESA, Solar Orbiter sulla rampa di lancio: studierà il Sole
Come vivono le Agenzie spaziali l'emergenza coronavirus? L’ESA rivela il suo piano
Europei restano a casa e lo smog si dimezza – Foto Esa
Tags:
Meteo, ESA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook