18:26 30 Marzo 2020
Scienza e tech
URL abbreviato
Infezione di coronavirus diventa pandemia (16-23 marzo) (96)
0 05
Seguici su

Il lancio del sito sarebbe dovuto avvenire il 16 marzo, ma è stato rimandato a causa della situazione in rapido mutamento.

Google non ha intenzione di stare in disparte ed è pronta a mettere in campo le proprie risorse nella lotta all'epidemia di Covid-19.

Oggi il colosso americano dell'informatica ha lanciato il proprio sito di aggiornamento sulla situazione legata al coronavirus negli Stati Uniti.

Sulla pagina vengono inoltre riportate tutte le linee guida per i comportamenti più idonei da tenere al fine di limitare i contagi, oltre che le informazioni su come effettuare il tampone per verificare l'eventuale positività al virus.

Stando alle dichiarazioni riportate dalla compagnia, il sito web sarà tenuto costantemente aggiornato e presto diventerà disponibile in altre lingue e in altri Paesi.

La scorsa settimana, l'amministratore delegato di Google Sundar Pichai ha dichiarato che la compagnia ha avviato una collaborazione con il governo degli Stati Uniti per lanciare un sito web a partire dal 16 marzo.

Ad oggi, sono 270.000 le persone contagiate dal Covid-19 in tutto il mondo, con il bilancio delle vittime che è arrivato a 11.000 persone. Negli USA i casi confermati sono invece 18.000, con 227 morti e 147 persone guarite, stando ai dati della John Hopkins University. 

Tema:
Infezione di coronavirus diventa pandemia (16-23 marzo) (96)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook