16:43 20 Aprile 2021
Reportage
URL abbreviato
Di
112
Seguici su

File di camion carichi di spazzatura, raccolta congestionata, città nel week end sommersa da una montagna di sacchetti accatastati nei cassonetti delle aree centrali. Ecco cosa è successo a Catania a causa di un guasto alla discarica di Lentini.

Un normale guasto ha mandato in tilt la raccolta dei rifiuti di Catania durante l’intero fine settimana. In assenza di un piano B al comune non è rimasto che appellarsi alla collaborazione dei cittadini.

“A causa del perdurare del guasto tecnico alla discarica di Lentini che sta causando gravissime difficoltà nella raccolta e nel conferimento dei rifiuti, si raccomanda ai cittadini di evitare temporaneamente di gettare rifiuti nei cassonetti”, si legge in un comunicato pubblicato sulla pagina del Comune di Catania.

Ma questo non ha impedito alla città di riempirsi di cumuli di spazzatura attorno ai cassonetti, trasformati in vere e proprie discariche urbane.

Il malfunzionamento temporaneo alla discarica di Lentini, la più grande della Sicilia, ha causato un congestionamento nello smistamento dei rifiuti, con file interminabili di camion all’ingresso del sito di stoccaggio in attesa di poter scaricare. Nell’impossibilità di smaltire la spazzatura in altri siti, all’amministrazione comunale non è rimasto che sospendere la raccolta sino al ripristino del servizio.

L’appello alla responsabilità non è stato sufficiente e durante il fine settimana la città ha vissuto un’emergenza rifiuti, con le strade invase da monumentali montagne di spazzatura.

Solo lunedì 14 dicembre è arrivata la comunicazione dell’amministrazione della fine dei disagi nella raccolta, ma nel frattempo le strade del centro storico di Catania si sono riempite di montagne di sacchetti di rifiuti, accatastati sui cassonetti. Tuttavia l’emergenza non è risolta: né in città, né in discarica.

Fila dei camion alla discarica di Lentini
© Foto
Fila dei camion alla discarica di Lentini

Shopping tra i rifiuti

Nel secondo week-end di dicembre hanno destato preoccupazione le immagini di assembramenti nel cuore di Catania. Ma mentre le vie dello shopping si riempivano di persone, lungo i marciapiedi  delle strade centrali di si accumulavano sacchetti ai piedi di cassonetti stracolmi.   

L’emergenza rifiuti del fine settimana a Catania non ha risparmiato le zone commerciali, piene di negozi, uffici  e ristoranti, come Piazza Stesicoro. Una muraglia di spazzatura proprio di fronte allo storico anfiteatro romano, come denuncia sui social Luca Cangemi, dirigente nazionale del PCI ed ex deputato.

Sacchetti di spazzatura anche nel parco archeologico e davanti al monastero dei Benedettini, attuale sede universitaria di Catania, come mostrano gli scatti pubblicati su Facebook da Lungomare Liberato, che denuncia una situazione di estrema emergenza e rischio per la cittadinanza.

“La situazione dei rifiuti a Catania diventa sempre più critica...alle porte del 2021 ci ritroviamo una differenziata sotto il 10% ed i cassonetti luridi per strada con anche dentro le bombole che esplodono”, si legge nel post dell’associazione cittadina.  

Non è finita qui

Lunedì pomeriggio il Comune ha comunicato la fine del guasto tecnico in discarica, la ripresa del servizio e la raccolta dei sacchetti accumulati per giorni entro 24h. Sputnik Italia ha voluto catturare le immagini della città a poche ore dalla pulizia delle strade, per verificare il ritorno alla normalità.

Se l’emergenza è rientrata nelle zone del centro, basta girare l’angolo ed allontanarsi di pochi metri per vedere sacchetti abbandonati, come nella piazza dello storico Fortino angioino, sul muro dell’ex ospedale pediatrico del Santo Bambino e persino rifiuti appoggiati sul muro del prestigioso Liceo Scientifico.

Addentrandosi poi nei quartieri popolari, come San Cristoforo, la situazione è rimasta identica, con i cassonetti straripanti vicino ai portoni dei condominio o isole di rifiuti che separano le corsie di viale della Regione.

L’emergenza spazzatura sembra pronta a riesplodere per le strade catanesi, non solo nelle periferie ma persino nelle aree turistiche, culturali, archeologiche e commerciali. Quello dei rifiuti a Catania, non è un problema nuovo, legato a politiche sbagliate e a un sistema “arcaico” di gestione, spiega a Sputnik Italia Rosangela Arcidiacono, responsabile locale dell’associazione ambientalistica Plastic Free.

“Parliamoci chiaro.. qui c’ è un problema di una politica fallimentare che non è imputabile solo a quella attuale. Purtroppo la gestione rifiuti è un problema che esiste da molto tempo. Non dovrebbe assolutamente accadere che nel 2020 non ci sia un Piano B per ovviare a un possibile e prevedibile guasto. È altresì inaccettabile che esista ancora un sistema così arcaico di smaltimento dei rifiuti. Un male imputabile a una totale inettitudine di un regime in deroga – aggiunge - che non è assolutamente in sintonia con la salvaguardia e la tutela ambientale, oggi necessario e al centro delle questioni di interesse mondiale”, osserva la Arcidiacono. 

Plastic Free, come le tante associazioni locali chiedono “una risoluzione definitiva per il bene dei cittadini e dell'ambiente in cui viviamo, vittima di scempi ormai non più tollerabili. Chiediamo realizzazione di nuovi impianti tecnologici, sostenibili, che recuperino materia e biometano in linea con le direttive europee e i principi dell'economia circolare”.

"Ci auguriamo – conclude - che la mancata responsabilità di tanti non ci obblighi a doverci giustificare con le future generazioni a causa del male che stiamo combinando e consentendo”.

I precedenti

Lo scorso mese di giugno un altro guasto tecnico alle linee di produzione, aveva fermato la discarica di Lentini, in provincia di Siracusa, il sito di stoccaggio più grande della regione. Anche allora lo stop ha causato problemi di “accumulo di materiale nelle zone di scarico” e disservizi.

Nella struttura conferiscono oltre 240 comuni dell’isola. 

  • Liceo scientifico in Catania
    Liceo scientifico
    Non Sputnik foto
  • Ex ospedale in Catania
    Ex ospedale in Catania
    Non Sputnik foto
  • Rifiuti di Catania
    Rifiuti in Catania
    Non Sputnik foto
  • Rifiuti di Catania
    Rifiuti in Catania
    Non Sputnik foto
  • Rifiuti di Catania
    Rifiuti in Catania
    Non Sputnik foto
  • Rifiuti di Catania
    Rifiuti in Catania
    Non Sputnik foto
  • Rifiuti in Catania
    Emergenza rifiuti del week end
    Non Sputnik foto
  • Rifiuti di Catania
    Emergenza rifiuti del week end
    Non Sputnik foto
  • Rifiuti di Catania
    Emergenza rifiuti del week end
    Non Sputnik foto
  • Emergenza rifiuti a San Cristofo
    Emergenza rifiuti a San Cristoforo
    Non Sputnik foto
  • Emergenza rifiuti a San Cristoforo
    Emergenza rifiuti a San Cristoforo
    Non Sputnik foto
  • Emergenza rifiuti a San Cristoforo
    Emergenza rifiuti a San Cristoforo
    Non Sputnik foto
  • Emergenza rifiuti a San Cristoforo
    Emergenza rifiuti a San Cristoforo
    Non Sputnik foto
  • Emergenza rifiuti a San Cristoforo
    Emergenza rifiuti a San Cristoforo
    Non Sputnik foto
  • Emergenza rifiuti a San Cristofo
    Emergenza rifiuti a San Cristofo
    Non Sputnik foto
  • Emergenza rifiuti a San Cristoforo
    Emergenza rifiuti a San Cristoforo
    Non Sputnik foto
  • Emergenza rifiuti a San Cristoforo
    Emergenza rifiuti a San Cristoforo
    Non Sputnik foto
1 / 17
Non Sputnik foto
Liceo scientifico

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook