Widgets Magazine
18:13 23 Agosto 2019
Bandiera cinese

Pechino rivela la sua strategia nucleare e le dimensioni del suo esercito

© AFP 2019 / MARK RALSTON
Punti di Vista
URL abbreviato
2163

Pechino pubblica il suo primo libro bianco sulla Difesa dopo le ampie riforme militari intraprese dal presidente Xi Jinping nel 2015.

La Cina rimane impegnata in "una strategia di autodifesa nucleare", il cui obiettivo è mantenere la sicurezza strategica nazionale attraverso la deterrenza dell'uso o la minaccia dell'uso di armi nucleari contro di essa da parte di altri paesi. Lo rivela il libro bianco intitolato "La difesa nazionale della Cina nella nuova era", il primo pubblicato da Pechino sul suo settore militare dopo le ampie riforme intraprese dal presidente Xi Jinping nel 2015.

Il documento specifica che la Cina "è sempre impegnata" in una politica nucleare di "non uso delle armi nucleari per prima in ogni caso e in nessuna circostanza", così come "non usare o minacciare di usare armi nucleari contro stati senza armi nucleari o zone prive di armi nucleari senza alcuna condizione."

In tal senso, Pechino sostiene il divieto assoluto dell'arsenale nucleare, nonché la sua distruzione, e sottolinea che "non si impegna in alcuna corsa agli armamenti nucleari con nessun altro paese", mantenendo le sue capacità nucleari "al livello minimo richiesto per la sicurezza nazionale."

In termini generali, il libro bianco riassume la strategia militare della Cina secondo il principio: "Non attaccheremo se non saremo attaccati, ma sicuramente reagiremo se ci attaccano".

Esercito cinese

Nel quadro delle riforme, l'Esercito popolare di liberazione ha tagliato 300.000 truppe, collocando la sua forza attiva totale a 2 milioni di soldati, afferma il documento.

In particolare, la forza attiva dell'esercito terrestre è stata ridotta "in modo significativo"; quello dell'aeronautica rimase allo stesso livello e quelli della marina e della forza missilistica sono aumentati moderatamente, mentre le strutture di forza di tutti i rami sono state ottimizzate.

Spese militari

La spesa per la difesa della Cina è "ragionevole e appropriata" e rappresenta una percentuale relativamente bassa della spesa pubblica e del PIL del paese rispetto ad altri importanti paesi, si legge nel documento.

A questo proposito, si sottolinea che nel 2017 l'esborso militare del paese asiatico ha rappresentato meno di un quarto di quello degli Stati Uniti, in termini di spesa totale.

"In linea con lo sviluppo economico nazionale, le spese di difesa della Cina manterranno una crescita moderata e costante", si osserva nel libro bianco.

"La Cina non cercherà mai l'egemonia"

Il libro bianco stabilisce inoltre che la Cina "non cercherà mai l'egemonia, l'espansione o le sfere di influenza", ricordando che dalla sua fondazione, 70 anni fa, non ha intrapreso alcuna guerra o conflitto armato. Tuttavia, continuerà a rafforzare le sue forze militari per salvaguardare i suoi interessi di sovranità, sicurezza e sviluppo.

Per quanto riguarda Taiwan, Pechino mantiene la sua posizione di riservare il diritto di usare la forza e intraprendere tutte le azioni necessarie contro le interferenze da parte di forze esterne e separatiste.

Tra le altre cose, il Paese asiatico si oppone ai doppi standard e si impegna a rispettare i principi della Carta delle Nazioni Unite, il controllo internazionale degli armamenti, il disarmo e la non proliferazione per promuovere la pace e la sicurezza globale.

D'altra parte, Pechino accusa Washington di favorire la concorrenza tra le maggiori potenze mondiali e di indebolire la stabilità globale. Il governo cinese osserva che "il sistema di sicurezza e l'ordine internazionale sono indeboliti dal crescente egemonismo, potere politico, unilateralismo e conflitti e guerre regionali costanti".

Fonte: Xinhua / L'antidiplomatico

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Tags:
Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik