Widgets Magazine
17:13 23 Agosto 2019
Donald Trump ha incontrato il leader nordcoreano Kim Jong-un nella zona demilitarizzata tra le due Coree

Trump potrebbe riconoscere Corea Nord come potenza nucleare se promette di non produrre nuove bombe

© AFP 2019 / Brendan Smialowski
Punti di Vista
URL abbreviato
224

Funzionari del governo degli Stati Uniti ritengono che un "congelamento" nucleare, anziché una denuclearizzazione, potrebbe essere la chiave per raggiungere risultati concreti nella penisola coreana.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump sarebbe disposto ad accettare che la Corea del Nord mantenga il suo attuale arsenale se si impegnasse a non creare nuove armi nucleari, un "congelamento" che significherebbe il tacito riconoscimento del paese asiatico come potenza nucleare.

In dettaglio, il New York Times riporta che i funzionari dell'Amministrazione Trump stanno valutando questa possibilità nella speranza che condurrà a un nuovo round di negoziati con la parte nordcoreana - bloccato nel mezzo di sanzioni - sebbene l'inclusione di Pyongyang nel gruppo di potenze nucleari è stato ripetutamente respinto da Washington in passato.

Secondo il rapporto, l'incontro improvviso e breve dello scorso 30 giugno tra Trump e il leader nordcoreano, Kim Jong-un, non solo è servito ai leader per scambiarsi gli auguri, ma potrebbe aver segnato l'inizio di questa nuova fase di discussioni.

"[Trump] ora accetta che questi incontri non hanno a che fare con la denuclearizzazione, ma per avere una buona relazione uno a uno con Kim Jong-un", ha detto Van Jackson, l'ex direttore degli affari della Corea del Nord al Pentagono durante l'amministrazione di Barack Obama.

"Questa è la legittimazione di uno stato nucleare", ha aggiunto.

Un funzionario corrente citato dal quotidiano di New York specifica che per raggiungere un simile accordo, Kim dovrebbe fare più concessioni di quanto non abbia offerto in passato in cambio della revoca delle sanzioni, una decisione che non può essere prevista.

Dall'amministrazione Trump, tuttavia, negano di svolgere negoziati a tale riguardo: l'inviato del Dipartimento di Stato per la Corea del Nord, Stephen Biegun, ha descritto come "pura speculazione" l'idea di un congelamento nucleare, assicurando che la sua squadra "non sta attualmente preparando nuove proposte".

Tuttavia, altri ex funzionari vedono gli Stati Uniti come fattibile accantonare la sua aspettativa iniziale di realizzare la denuclearizzazione completa della penisola entro il 2021, secondo gli analisti una conquista sempre più lontana, e si decida, quindi, questo congelamento, facendo notare che entrambi i leader avrebbero relativi benefici se si impegnassero a fare concessioni.

"[Kim] potrebbe calcolare che questo non diventi un cattivo affare, perché permetterebbe alla [Corea] Nord di mantenere il suo arsenale nucleare e missilistico e darebbe Trump l'opportunità di affermare che ha realizzato qualcosa che nessuno dei suoi predecessori aveva raggiunto", ha spiegato Mi Terry, ex membro dello staff della CIA e del Consiglio di sicurezza nazionale nelle passate amministrazioni statunitensi.

Fonte: L'antidiplomatico

Tags:
Kim Jong-un, USA, Corea del Nord, Donald Trump
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik