16:13 19 Dicembre 2018
Ilaria Bifarini

Vi spiego perchè è il momento dell’Italexit

© Foto: pagina Facebook di Ilaria Bifarini
Punti di Vista
URL abbreviato
21485

Dopo la bocciatura definitiva della manovra da parte della Commissione europea con la prospettiva dell’apertura della procedura d’infrazione contro l’Italia per deficit eccessivo, da più parti ci si chiede quale strada percorrere. A questo punto, cosa converrebbe fare?

Scendere a patti con Bruxelles come sembrerebbe chiedere il ministro degli Affari europei Paolo Savona, o andare avanti con il muro contro muro come chiedono invece Salvini e Di Maio? E soprattutto, è arrivato o no il momento di una rottura definitiva, magari avviando quel percorso di uscita dall'euro da molti auspicato? Lo Speciale Giornale lo ha chiesto all'economista Ilaria Bifarini.

Ha senso cercare ancora un accordo con l'Unione Europea sulla manovra?

"Credo a questo punto che non ci siano più le condizioni. C'è un accanimento da parte dell'Unione Europea nei confronti dell'Italia che è motivato più da ragioni ideologiche e politiche che da questioni economiche. La spesa a deficit prevista da questa manovra è assolutamente in linea con quanto attuato dai governi precedenti, anzi anche inferiore. Il debito pubblico, dovuto al pagamento degli interessi sul debito stesso, è cresciuto con lo stesso Monti, a riprova che le misure di austerity non funzionano, così come con Letta, Gentiloni e Renzi. Ma mai come con la coalizione giallo-verde c'era stato un attacco così duro e ostinato da parte sia di Bruxelles che dei media e di tutta la potente macchina della propaganda".

Siamo come non mai di fronte ad un bivio? Uscire dall'euro o rassegnarsi alla sudditanza perenne?

"Già, è giunto il momento di scelte coraggiose. Continuare a sottostare a regole e parametri infondati assurti a dogmi significa rinunciare per sempre alla propria sovranità economica e politica. Una perdita di democrazia inaccettabile per i cittadini, che alle urne hanno espresso la loro volontà di cambiamento. C'è uno scollamento troppo forte ormai tra le istanze delle popolazioni e quelle dei tecnocrati di Bruxelles, che non le rappresentano.

Attraverso l'imposizione di parametri contabili si è creata una dittatura dei mercati che sta generando solo povertà e disoccupazione. L'unica possibile via d'uscita è recuperare la propria sovranità monetaria".

E' il momento propizio per tentare la strada dell'Italexit o sono ancora possibili soluzioni meno drastiche?

Le bandiere di Roma, Italia e UE alla piazza del Campidoglio a Roma
© Sputnik . Natalia Seliverstova
"Continuare a ‘trattare' con l'UE che ci somministra la pillola mortifera dell'austerity significa condannarsi a una lenta e dolorosa agonia. Nonostante il terrorismo creato dal mainstream, tornare a una nostra moneta, che si chiami lira o qualsiasi altro nome, non rappresenterebbe nulla di trascendentale. Al mondo, a parte l'Eurozona e le ex colonie francesi che adottano il franco CFA, ogni Paese ha la propria moneta. Non si verificherebbe nessuna delle catastrofi prospettate da chi fa volutamente terrorismo. Lo spauracchio dell'inflazione, ad esempio, è infondato, perché attualmente ci troviamo in una situazione di deflazione con crisi della domanda e alta disoccupazione. Così come la corsa agli sportelli, essendo nell'epoca delle transazioni elettroniche. Insomma, niente cavallette".

Il Ministro Paolo Savona dice che bisogna cambiare anche il governo, non soltanto la manovra. Che sta succedendo?

"Pare che le dichiarazioni siano state smentite, o comunque ridimensionate. Sicuramente c'è nervosismo, vista la situazione di forte scontro con l'UE. D'altra parte c'è una stampa e un apparato di comunicazione che tifa contro il governo e fa di tutto per ridicolizzarlo e delegittimarlo. Neanche ai tempi di Berlusconi c'era tanto accanimento. Questo tende a esacerbare lo scontro e a radicalizzare le posizioni, creando un clima per nulla favorevole".

Di Ilaria Bifarini

Fonte: Controinformazione

L'opinione dell'autore puo' non coincidere con la posizione della redazione.

Correlati:

Manovra: nel governo si tratta del 2 per cento, ma nulla su reddito e pensioni
Cgia: la manovra costa alle imprese 6,2 miliardi
Dombrovskis a Italia: correzione seria a manovra, -0,2% non basta
Manovra del governo, pronti a tagliare decimali
Tags:
integrazione, manovra, integrazione, Politica europea, UE, Paolo Savona, UE, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik