Widgets Magazine
23:53 16 Ottobre 2019
Donald Trump

Perché signor Trump … il tuo paese ha causato la situazione di questi “paesi di merda”

© REUTERS / Mike Segar
Punti di Vista
URL abbreviato
3180
Seguici su

Le dichiarazioni oltraggiose del Presidente degli Stati Uniti Trump su varie nazioni povere – chiamando queste “paesi di merda” – non solo rivelano un mentalità razzista senza scrupoli ma anche un Donald Trump che si dimostra terribilmente ignorante.

Quale visione ha del nostro mondo il capo della presunta nazione militare più potente quando si dimostra un completo ignorante sui fatti più basilari della storia? Sicuramente, questo è un pericolo orribile per tutta l'umanità per il fatto di avere qualcuno così sconsiderato e stupido con accesso alle armi nucleari.

L'indignazione globale per la crudele denigrazione di Trump continua a montare giorni dopo che l'ha pronunciata. L'Unione africana che rappresenta 55 nazioni ha chiesto le scuse dal presidente. Ora lui sta cercando di fare retromarcia circa i suoi commenti incendiari in un palese tentativo di mentire, che alimenta solo più rabbia.

Quello che è ancora più aberrante è il fatto che la stragrande maggioranza dei paesi a cui Trump si riferiva può rintracciare i propri problemi intrattabili di povertà e violenza direttamente per causa del coinvolgimento degli Stati Uniti in quei paesi. Eppure, il presidente USA si chiede crudemente perché l'America abbia l'obbligo di proteggere chi fugge da loro.

Durante una riunione di giovedì scorso con i parlamentari repubblicani e democratici alla Casa Bianca per discutere della politica di immigrazione degli Stati Uniti, Trump si sarebbe mostrato frustrato quando ha letto l'elenco dei paesi che hanno ricevuto lo status di protezione temporanea (TPS).

Attualmente ci sono dieci paesi che offrono TPS da controlli ufficiali sull'immigrazione degli Stati Uniti. Tale status consente l'ingresso di una certa quota di cittadini.

Ha poi fatto riscoprire la sua visione razzista e sfruttatrice del mondo aggiungendo: "Dovremmo avere più persone provenienti da posti come la Norvegia".

Il disgusto di Trump nei confronti dei paesi degli immigrati elencati mostra la sua stupefacente stupidità, o forse insensibilità.

Solo uno di loro, il Nepal, ha una crisi umanitaria non collegata direttamente alla politica estera americana, risultante da una causa naturale: il terremoto che ha colpito la nazione dell'Himalaya dell'Asia meridionale nell'aprile 2015.

Attualmente, ci sono circa 250.000 salvadoregni che vivono come migranti negli Stati Uniti. Trump vuole rimandarli tutti al loro paese. Una paura ricorrente tra i migranti è la violenza dilagante delle bande armate nel El Salvador — un retaggio diretto del passato intervento militare statunitense.

 

Questi paesi sono: El Salvador, Haiti, Honduras, Nepal, Nicaragua, Somalia, Sudan, Sud Sudan, Yemen e Siria.

A quanto pare Trump ha detto: "Per cosa vogliamo gli haitiani qui? Perché vogliamo tutte queste persone dall'Africa qui? Perché stiamo facendo venire tutte queste persone dai questi cesso di paesi fino qui?"

Quindi, nella visione del mondo superficiale e utilitaristica di Trump, fintanto che sei biondo, con gli occhi azzurri, educato e da uno stato ricco, allora sei il benvenuto negli Stati Uniti per essere utilizzato per la sua crescita economica.

Il fatto è che nove dei dieci paesi che hanno ottenuto il TPS — il 90 per cento — possono attribuire la loro tendenza all'immigrazione all'eredità di politiche distruttive causate dagli Stati Uniti che sono intervenuti in quei paesi.

Rivediamo rapidamente il 90%.

El Salvador, l'Honduras e il Nicaragua sono stati tutti paesi lasciati con un retaggio di guerre sostenute dagli Stati Uniti per diversi decenni. Negli anni '70, '80 e '90, gli Stati Uniti hanno invaso la regione centroamericana con armi e squadroni della morte addestrati dagli americani per dare la caccia a guerriglieri, politici, attivisti sindacali, contadini, attivisti per i diritti della terra e preti, chiunque avesse minacciato la tradizionale struttura di potere sostenuta dagli Stati Uniti dei regimi fantoccio e dittature militari subordinate alle società ed al capitale americano.

Si stima che le guerre sostenute dagli Stati Uniti abbiano ucciso più di 200.000 persone in tutta l'America centrale, lasciando le popolazioni traumatizzate, impoverite e tormentate successivamente dalle bande criminali armate.

Il Nicaragua è un esempio toccante. Il suo rivoluzionario governo sandinista di sinistra — che estromise la decennale dittatura di Somoza, sostenuta dagli Stati Uniti nel 1979 — fu distrutto dalla guerra per procura americana che usava gli squadroni della morte dei Contras che operavano dall'Honduras.

È vero che anche il Nicaragua e il Salvador sono stati colpiti da terremoti che hanno esacerbato i problemi umanitari di povertà e degrado sociale. Ma probabilmente la violenza e le turbolenze politiche fomentate in quegli Stati dagli Stati Uniti per decenni sono il principale fattore distruttivo in quelle società.

Lo stesso si può dire per Haiti. Il paese delle isole dei Caraibi è stato devastato da un terremoto nel 2009 e, secondo quanto riferito, continua a vacillare per le conseguenze. Tuttavia, la povertà intrattabile e la discordia sociale sono un'eredità dei governi degli Stati Uniti che hanno sostenuto per decenni le dittature sotto Papa Doc e Baby Doc Duvalier. Le ripetute invasioni militari statunitensi nel corso dell'ultimo secolo per reprimere le politiche socialmente progressiste hanno fatto sì che Haiti mantenesse la sua funzione di impoverita posizione offshore per le corporazioni americane per sfruttarle spietatamente per la manodopera.

Per quanto riguarda i paesi africani nell'elenco TPS, la politica statunitense è stata determinante per la disgregazione del Sudan negli Stati del nord e del sud nel 2011-2012. Questa disgregazione e i conflitti interni, a loro volta, hanno distrutto le economie di entrambi gli stati e fomentato il terrorismo, portando ad un massiccio esodo di comunità.

La Somalia sul Corno d'Africa è stata invasa dalle forze americane all'inizio degli anni '90 e negli ultimi tre decenni è stata destabilizzata dalla implacabile aggressione militare americana costituita da attacchi aerei, aerei e droni in una cosiddetta "guerra al terrore".

Più in generale, le emigrazioni di massa in Africa possono anche essere tracciate direttamente dagli Stati Uniti e dai membri europei e della NATO che hanno condotto guerre illegali in diversi paesi, tra cui Libia, Mali, Niger, Costa d'Avorio e Repubblica Centrafricana. Anche le guerre per procura sostenute dagli Stati Uniti in Angola, Uganda, Repubblica Democratica del Congo e Mozambico hanno lasciato un'eredità malefica.

Più in generale, non si può mai sottovalutare la portata del sottosviluppo ove l'Africa è stata storicamente ostacolata dallo sfruttamento economico coloniale e neocoloniale americano ed europeo.

Per quanto riguarda gli altri due paesi "di merda " sulla lista di Trump — la Siria e lo Yemen — questi potrebbero rappresentare in modo acuto quanto degenerato sia questo presidente.

Per continuare sotto la sua sorveglianza alla Casa Bianca, gli interventi militari criminali americani in questi paesi hanno causato la morte, la mutilazione, la fame e lo sfollamento di milioni di persone. La Siria, in particolare, è stata ridotta da una società abbastanza sviluppata a un cumulo di macerie da una guerra durata sei anni, istigata e perpetuata segretamente dagli Stati Uniti e dai suoi regimi clienti della NATO nella regione.

Lo Yemen è stato trasformato in un inferno apocalittico da quasi tre anni di aggressione saudita sostenuta dagli americani contro quel paese, compreso il mantenimento di un blocco marittimo, aereo e terrestre su tutta la nazione — un enorme crimine di guerra — che ha provocato la morte di milioni di bambini morendo dal colera e da altre malattie prevenibili. Come può un paese che subisce un vero e proprio genocidio non essere trasformato in qualcosa di diverso da un "cesso"?

Signor Trump, stai ascoltando o il tuo cervello è stato trasformato in un mucchio di poltiglia per effetto dieta fast food che assorbi ogni giorno?

Considerando la carneficina che la politica e la condotta estera degli Stati Uniti ha inflitto in tutto il mondo alla ricerca degli interessi imperialisti americani, la lista dello stato di protezione temporanea non dovrebbe comprendere dieci nazioni. Dovrebbe essere esteso a dozzine di — forse 100 — paesi dove il vandalismo del potere americano ha provocato disastri.

Donald Trump
© AP Photo / Pablo Martinez Monsivais
La deprecazione di Trump dei paesi "ciarlatani" è una manifestazione nauseabonda dell'ignoranza e dell'insensibilità americana. Non c'è da stupirsi che gli Stati Uniti continuino con il loro comportamento a palla da demolizione nel mondo.

Come l'ex presidente messicano Vicente Fox ha accennato sulla sua indignazione per le ultime osservazioni di Trump, il buco più grande e folle del mondosi trova proprio a Washington. Perché lì hanno davvero una merda a posto del cervello e della morale.

Fonte: Controinformazione.info

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Correlati:

Sondaggio Sputnik: il mondo non diventerà più sicuro con Trump
USA, Trump dice no all'esportazione di democrazia nel mondo
Tags:
Guerra, NATO, Donald Trump, El Salvador, Mozambico, Haiti, Repubblica Centrafricana, Uganda, Sudan del Sud, Repubblica democratica del Congo, Mali, Angola, Costa d`Avorio, Nepal, Nicaragua, Sudan, Niger, Yemen, Honduras, Africa, Libia, Somalia, Siria, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik