09:27 22 Agosto 2018
Разрушенные здания в сирийской Ракке

I crimini della coalizione USA in Siria nascosti da media e TV occidentali

© AP Photo / Asmaa Waguih
Punti di Vista
URL abbreviato
5290

Russia: i media mainstream, i politici occidentali stanno operando per coprire la vera portata dei crimini commessi dalla coalizione USA a Raqqa in Siria.

La portavoce della diplomazia russa Maria Zakharova ha dichiarato ieri che stiamo assistendo ad un blocco sistematico delle informazioni da parte dei media e dei politici occidentali su quanto avvenuto a Raqqa in Siria. In particolare si nasconde la reale portata della devastazione avvenuta a Raqqa per evitare di screditare le attività belliche di Washington in Siria.

"Un'apparente congiura del silenzio, ed è difficile chiamarla diversamente, viene plasmata nei media occidentali e nei circoli politici per quanto riguarda il vero stato delle cose in Raqqa", ha affermato.

"Questo viene fatto per non screditare le operazioni militari di Washington e dei suoi alleati in Siria, visto che questi non hanno basi legali per giustificare la loro presenza delle loro forze militari nel paese arabo. Contemporaneamente, continuano a dismisura i tentativi di Washington con l'obiettivo di far saltare la questione della tregua e di distorcere gli sviluppi degli accordi di Astana nella Ghouta e nella zona orientale di Idlib, che fanno parte delle zone di allentamento della violenza istituite in Siria", ha affermato.

"Parti significative della città di Idlib rimangono cariche di mine. C'è un'enorme quantità di munizioni inesplose, più dell'80% degli edifici sono stati distrutti e il sistema pubblico di approvvigionamento idrico della città non funzion", ha spiegato.

"L'elettricità è disponibile solo in alcuni distretti. Tutti i cadaveri rimangono sotto le macerie e la minaccia di un'epidemia è enorme. Le agenzie ONU competenti fino ad ora non sono state in grado di valutare la situazione, e non ci sono condizioni per il ritorno dei civili nella città", ha sottolineato.

"Le ragioni sono ovvie. Si tratta di azioni militari indiscriminate della cosiddetta coalizione guidata dagli Stati Uniti contro l'IS [ISIS]. La stessa coalizione che ha bombardato selvaggiamente la città ed ha causato migliaia di vittime civili. Dopo la cessazione delle operazioni militari, un programma di amministrazione locale è stato inventato dagli occupanti, amministrazione che non è controllata dal legittimo governo siriano di Damasco", ha concluso Zakharova.

Nota: I media e le TV occidentali che mantengono una cortina di silenzio sulla situazione di Raqqa sono gli stessi che, in occasione della liberazione della città di Aleppo, avvenuta nel dicembre del 2016, lanciavano grandi accuse contro i bombardamenti dell'aviazione russa-siriana e inventavano notizie false di decine di ospedali pediatrici bombardati dai russi, con una forte campagna di criminalizzazione sull'operato delle forze russe e governative. Adesso è scesa una cappa di silenzio sugli effetti dei bombardamenti della coalizione USA su Raqqa. Come sempre, le esigenze della propaganda e la manipolazione dei media vengono prima della verità.

Fonte: Al Masdar News / controinformazione.info

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Correlati:

Ribelli siriani pubblicano video su ritiro terroristi ISIS da Raqqa, ombre su militari USA
Come al Reichstag: bandiera rossa su Raqqa
Deputato definisce “barbarie” operazione USA per liberazione di Raqqa
“USA vogliono far diventare Raqqa la capitale della Siria non controllata da Assad”
Fondi stanziati da coalizione occidentale a Raqqa creano sospetti in Russia
Tags:
Crisi in Siria, Maria Zakharova, Raqqa, Siria, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik