12:17 20 Aprile 2018
Roma+ 23°C
Mosca+ 13°C
    Militare Usa in Afghanistan

    Altri soldati Usa in Afghanistan. Contro Russia e Cina?

    © AP Photo / Abdul Khaliq
    Punti di Vista
    URL abbreviato
    6213

    L’ultimo attentato-strage a Kabul, almeno 40 morti in un’agenzia di stampa e in un circolo culturale sciita, reca impronte digitali alquanto riconoscibili.

    L'ultimo attentato-strage a Kabul, almeno 40 morti  in un'agenzia di stampa e in un circolo culturale sciita, reca impronte digitali alquanto riconoscibili. Lo ha rivendicato l'ISIS Khorasan, una sigla multi-uso di cui  gli stessi ribelli siriani  dicono che è un'invenzione americana. La rivendicazione è avvenuta attraverso Amaq, la fantomatica "agenzie di stampa dello Stato Islamico"  che rilascia le  sue dichiarazioni ai media internazionali attraverso il SITE Intelligence Group, dove  Rita Katz le traduce graziosamente in inglese.

    Basterà ricordare che Amaq ha anche rivendicato all'IS la strage di Nizza  del 14 luglio 2016,   dotato di tutti i segnali significativi del caso:  l'autista del camion assassino, un Mohamed Lahouaiej-Bouhlel  che tutti i conoscenti giurano non fosse un fanatico  religioso,  che  viene ucciso ma  lascia i suoi documenti sul camion stesso, e  la presenza fortuita del solito israeliano che filma la scena.

    Effettivamente negli ultimi tempi non passa mese  in cui non si produca in  Afghanistan una strage  "islamica", diretta contro inermi sciiti,  di cui i talebani  si dicono  innocenti. Può darsi che   ciò sia in relazione all'annuncio  alla stampa che un contingente supplementare di truppe Usa sarà inviato in Afghanistan nel 2018, piuttosto nutrito, 6 mila uomini, che si aggiungeranno agli altri forse 15 mila già in loco.  "istruttori" delle forze  afghane, che non li hanno chiesti.

    Cresce il sospetto che questo rafforzamento sia rivolto verso i nemici indicati come "revisionisti" nella nuova dottrina di Sicurezza Nazionale, Russia e Cina — senza dimenticare l'Iran. Il fatto che  l'Afghanistan confini con questi  tre paesi  ne fa un centro altamente strategico di sovversione e destabilizzazione.  Il paese è limitrofo a Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan,  nella sfera geopolitica  della Russia. Ne sono anche il ventre molle, essendo governati da regimi impotenti che non controllano il loro stesso territorio, peraltro immenso ed impervio. Dopo la sconfitta in Siria, Washington può pensare di usare la carta della rivincita in Asia centrale. Può esercitare ogni tipo di pressioni sulla Russia da Sud.

    Tanto più che nei prossimi mesi, fino alle elezioni che vedranno riconfermato Putin nel marzo 2018, c'è da  aspettarsi un rialzo parossistico dell'ostilità  anti-Mosca in Usa, e quindi anche in Europa: già abbiamo  visto su "importanti giornali" italiani articoli  che hanno l'aria di essere commissionati, per far grande scandalo dell'esclusione,da è parte dell'ufficio elettorale, del candidato Aleksei Navalny dalle presidenziali, per precedenti guai con la giustizia. Lo stesso tipo di esclusione, è stato notato, che è stato usato in Italia ed Europa contro Berlusconi con la legge Severino; in questo caso, nessuno ha espresso "i seri dubbi sul pluralismo  politico in Italia", mentre invece la  Mogherini ha espresso "seri dubbi sul pluralismo politico in Russia" in difesa del candidato  tanto  caro a  tutto l'Occidente.

    Navalny  come candidato è molto meno forte di Berlusconi, ma è anche un diplomato dello Yale World Fellows Program (insomma ha studiato a Yale  con borsa di studio americana) e proprio sul sito di Yale risulta essere cofondatore del Democratic Alternative Movement, una spontanea creazione  della "società civile" che ha ricevuto finanziamento dal National Endowment for Democracy, l'organo (pagato dal Congresso) delle rivoluzioni colorate  all'Est e nel mondo.

    Possiamo stare certi che nulla verrà lasciato intentato per rovinare le elezioni presidenziali russe da qui a marzo,  nessuna provocazione anche militare,  nessuna storia di anti-democrazia  in Russia, nessun attentato terrorista che possa far apparire  Putin impotente e incapace.  L'attentato di Pietroburgo può essere benissimo un assaggio  della anti-campagna che verrà. E dall'Afghanistan, attraverso la poco controllabile area Sud  verso la Russia, molto si può fare.

    Nello stesso tempo, la presenza Usa in Afghanistan può servire a ostacolare  il progetto cinese One  Belt-One Road, specificamente l'asse logistico e corridoio  economico sino-pakistano. Le infrastrutture di questo corridoio necessitano della stabilizzazione e pacificazione dell'area afghana  e dell'Asia Centrale. Pechino ha stretto già relazioni cordiali con Kabul; col Pakistan, le buone relazioni sono storiche — ma parte dell'infrastruttura One Belt One Road passerà lungo o a fianco delle aree tribali autonome e  da sempre  ribelli (fra cui il Kyber Pass). Gli Usa hanno un interesse decisivo ed evidente a  impedire, o almeno a ritardare, che la Cina  riesca a sboccare  nell'Oceano Indiano (ha già ampliato in Pakistan il porto di Gwadar) per vie  interne e non marittime, quindi fuori dal dominio navale anglo-americano. I  prossimi mesi ci chiariranno meglio la funzione dei rinforzi americani in Afghanistan.

    Fonte: maurizioblondet.it

    L'opinione dell'autore puo' non coincidere con la posizione della redazione.

    Tags:
    Afghanistan, USA, Cina, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik