12:21 24 Giugno 2017
Roma+ 29°C
Mosca+ 17°C
    Sicilia, Italia

    Intelligence Usa, la Sicilia è la sua culla

    © flickr.com/ Alessandro Baffa
    Punti di Vista
    URL abbreviato
    354430134

    La Sicilia è il centro focale della Intelligence Usa non solo per il Muos, ma anche (e soprattutto) per quel mega hub di connessioni, cuore di Internet per vastissima parte del pianeta, chiamato Sicily Hub.

    Che l'Isola sia da sempre considerata una base essenziale per gli interessi degli Stati Uniti e per il suo braccio operativo euro-atlantico, la Nato, è storia antica: le antenne del Muos completano uno scenario che comprende fra l'altro Sigonella, divenuta la più importante base dello Zio Sam nel Mediterraneo allargato, il porto di Augusta, l'aeroporto di Birgi, le assai poco conosciute stazioni radar a Lampedusa e nelle Eolie e molto altro ancora.

    La sterminata serie di installazioni disseminate ovunque fanno della Sicilia un territorio a sovranità ancor più limitata di quanto non lo sia già l'Italia nel suo complesso.

    Una situazione di completo asservimento vecchia ormai di oltre settant'anni; per descriverla, la vicenda del Muos è esemplare: a Niscemi un radar c'è stato da sempre, ma come noto il Pentagono ha pensato di basarvi una stazione della rete satellitare in uht (ad altissima frequenza) per mantenere in costante collegamento i centri di comando e controllo dello Zio Sam (comandi, centri logistici, gruppi operativi in combattimento, cruise, droni e i suoi circa 18mila terminali militari al momento in funzione, oltre alle ovvie ricadute per la Intelligence Usa). Abbiamo detto dello Zio Sam perché la Nato, sempre invocata per giustificare ogni ingerenza, non c'entra.

    È nota la strenua opposizione opposta dalle popolazioni (le amministrazioni isolane, come sempre, si sono inchinate ai desideri del "padrone"), ma in barba a ricorsi, sentenze e tribunali, la fine della vicenda è stata comunicata nel marzo scorso, quando il console statunitense a Palermo, Shawn Baxter, nell'ambito di una cerimonia per presentare la nuova sede consolare, si è limitato a pronunciare 5 parole: "Il Muos è pienamente operativo" per liquidare la faccenda. Notizia che, come tutte quelle importanti, ha avuto scarsa o nulla risonanza sui media tradizionali.

    Ma a parte le infrastrutture visibili, la Sicilia è il fulcro di un enorme Internet exchange point, il Sicily Hub, che ha i propri centri operativi a Palermo e Catania; un hub di straordinario quanto poco conosciuto peso realizzato essenzialmente da Sparkle, società controllata al 100% da Telecom Italia, che si aggiunge alla ristretta cerchia di exchange point esistenti a Francoforte, Londra, Amsterdam e Marsiglia.

    La scelta della Sicilia non è casuale, perché è da qui che passano i cavi del traffico generato in Africa, Medio Oriente ed Asia. Un traffico che già in passato vi transitava ma che adesso viene gestito dalla Sparkle tramite le infrastrutture create appositamente, a cui s'aggiunge il sistema di connessione operato da Fastweb, che sta realizzando un altro mega-hub.

    Attraverso questo apparato logistico passa una mole immensa di informazioni, dai social media ai motori di ricerca, dalle informazioni finanziarie a quelle commerciali ed economiche: una miniera preziosa quanto inesauribile per la Intelligence Usa, che con l'eterna scusa delle attività antiterroristiche vi guazza dentro a piacimento, realizzando un vantaggio strategico incalcolabile per lo Zio Sam e gli interessi del Sistema a Stelle e Strisce.

    La base militare di Sigonella
    © AP Photo/ Andrew Medichini
    Dai nodi di Palermo, Catania, Trapani e Mazara si diramano 16 cavi transcontinentali che raggiungono gli Stati Uniti, l'Africa, il Mediterraneo Orientale e l'Asia fino all'Estremo Oriente, tutte aree sensibili di enorme valore. E di enorme valore è la rete che attraversa la Sicilia, un'infrastruttura d'incalcolabile interesse strategico che è alla base dell'offensiva della francese Vivendi per assicurarsi il controllo di Telecom, che come detto controlla la Sparkle.

    Il motivo è che il Sicily Hub nasce come diretto competitor dell'hub di Marsiglia, per contendergli una torta economica stimata in 142 Mld di dollari, ma d'inestimabile valore per il controllo su quei flussi, non mediato da Parigi, esercitato dalla Intelligence Usa. Attualmente il 90% di quella torta è in mani francesi ma, secondo stime prudenziali, entro due anni sarà la metà di essa a passare dalle reti siciliane, con la prospettiva di notevoli incrementi nel futuro.

    Insomma, per la Intelligence Usa è una guerra per il power control dell'informazione vinta in partenza sul territorio siciliano, un vantaggio enorme che spazia dall'area miliare (vedi Muos) al business ed al commercio. Ma, come sempre, di quell'immenso tesoro nulla rimarrà in Sicilia, al più qualche scarso impiego secondario, meno che briciole per compensare una sudditanza che dura da oltre settant'anni. Insomma, un paradiso offerto ancora e sempre gratis alla Intelligence Usa e allo Zio Sam.

    Fonte: Controinformazione.info

    L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

    Correlati:

    La NATO e quegli accordi segreti fra Italia e USA
    L’Italia al guinzaglio della NATO
    Italia, laboratorio di guerra NATO&USA
    Tags:
    Intelligence, NATO, USA, Italia, Sicilia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik