Widgets Magazine
04:15 16 Settembre 2019
Donald Trump

L’offerta di Trump a Mosca: spartiamoci la Siria

© REUTERS / Jonathan Ernst
Punti di Vista
URL abbreviato
23732
Seguici su

La mentalità da gangster di Chicago anni ’30 sembra dunque una costante permanente del carattere politico statunitense, maggioranza o opposizione: è l’abitudine acquisita in 17 anni di criminalità internazionale non contrastata, per esempio, dalla Unione Europea (quella dei “nostri valori”).

Il punto è se l'America possa permettersi di fare la guerra vera all'Iran. Il primo assalto di corpi speciali approvato da Trump — in Yemen — s'è concluso con una strage di donne e bambini sì, ma anche con la morte di un soldato Usa, il danneggiamento di due elicotteri, il panico delle teste di cuoio Usa che credevano di sfruttare l'effetto-sorpresa e invece hanno trovato resistenza imprevista, sono state sorprese loro. I commandos americani sono perfetti solo ad Hollywood. E lo stato di rivolta interna di metà della popolazione americana, l'insidia dei nemici dello Stato Profondo ostile, dovrebbero sconsigliare una ennesima avventura bellica che può costare il potere ai nuovi arrivati.

Qui entra in gioco la seconda parte della strategia di Flynn, "l'amico dei russi" odiato da McCain. In pratica, staccare Mosca dagli interessi di Teheran (di cui è il grande fornitore di armi), facendole una "offerta che non può rifiutare", per usare il gergo de Il Padrino. In Siria. Riconoscendo a Putin la sua zona di egemonia.

Ma con certi dettagli, che i servizi siriani di Assad avrebbero carpito da "fonti israeliane".

Si tratta delle "zone di sicurezza" per "ricoverarci i profughi e proteggere i civili" che Trump ha effettivamente riproposto. Non si tratterebbe più delle no-flight zones vietate all'aviazione russa e siriana, che voleva attuare Obama in complicità con Erdogan, sfidando Mosca alla guerra. Si tratta dello smembramento della Siria, con l'offerta alla Russia di partecipare alla spartizione.

Secondo le "fonti israeliane", le zone di sicurezza sarebbero queste:

"Una prima zona al Nord-Est, che diverrebbe il ‘santuario' delle "Forze Democratiche Siriane" (i tagliagole curdi armati dagli Usa, infeudati a Washington) da Hasaka fino all'Eufrate, dove i curdi sognano di organizzare la loro entità autonoma.

"Una seconda zona a Nord di Aleppo, affidata alla Turchia, che andrà dalla frontiera turca alla città di Al Bab lunga 75 chilometri": la zona di cui Erdogan sperava di impadronirsi,fermato dal disastro militare delle sue truppe.

"La terza zona a Sud, affidata ufficialmente alla Giordania, ma in realtà a Israele, dal Golan a Daraa e Sueida", zone dove Israele già mantiene, vezzeggia e cura i suoi wahabiti di famiglia.

"La quarta zona a Ovest, dalla costa fino a Homs, affidata alla Russia".

In pratica è la nuova versione del progetto ebraico di smembramento dei paesi circonvicini ad Israele (piano Kivunim) unito ai piani di Obama per la Siria andati a male, ma "più intelligente e perfido", nota l'analista libanese (sciita) Amin Hoteit, perché"salvaguarda gli interessi di Russia, Turchia, Israele,distruggendo l'unità di popolo e territorio siriano, strappando allo stato siriano la componente curda a Nord, la componente drusa a Sud, la componente alawita a Est, permette alla Turchia di restare presente al Nord con possibilità di espandersi nelle regioni restanti, una volta che la Siria sia privata dei suoi alleati".

Sì, perché l'offerta di Trump a Mosca comprenderebbe "l'uscita di Hezbollah, dell'Iran e degli altri alleati, specie dalla zona Sud per ‘rassicurare Israele' con la creazione di una zona di sicurezza riconosciuta internazionalmente", un cuscinetto in più attorno al sacro stato degli Eletti.

Una risistemazione di così grande rilievo o si ottiene con l'uso della forza diretta (che Trump e Flynn sanno essere sconsigliabile) oppure con il "sì" del Consiglio di Sicurezza dell'ONU. Quindi si spera di convincere la Russia a non opporre il veto. Ecco il fondo della "amicizia" di Trump e Flynn per Putin.

Come reagisce Mosca? Effettivamente ha proposto ad Assad di riconoscere l'autonomia dei kurdi; il governo di Damasco ha rigettato ufficialmente la proposta. Evidentemente sono in corso dei colloqui fra Mosca e Washington, probabilmente ai margini del vertice di Astana.

Bambini e una donna che vivono in un rifugio antiaereo in uno dei quartieri nella periferia di Donetsk.
© Sputnik . Gennady Dubovoy
In questo quadro di intese segrete in corso, si capisce forse meglio perché la giunta di Kiev abbia scatenato l'offensiva nel Donbass bombardando deliberatamente le case abitate da civili, aggravandole provocazioni: teme (o sa) che nel riconoscimento dell'Amministrazione Trump della zona di egemonia alla Russia ci sia anche l 'abbandono dell'Ucraina. Anche se la nuova ambasciatrice americana all'Onu, scelta da Trump o dai suoi, Nikki Haley, al suo primo discorso, ha attaccato violentemente Mosca come colpevole dell'aggressione nell'Ucraina Orientale, e ha ingiunto di "mettere immediatamente fine all'occupazione della Crimea". E i media che legge Trump (come il Wall Street Journal) sono ferocissimi a sostenere il bellicista McCain nell'attribuire a Putin l'offensiva ucraina; che è notoriamente atto disperato di Poroshenko, istigato da McCain, per la quale l'Osce ha riconosciuto responsabile Kiev, e a mezza bocca anche la Merkel.

Sembra di tornare alla Nuland, a "Fuck Europe", alla sovversione nell'Est. I segnali di continuità sono più gravi di quelli di innovazione. Per esempio: Trump ha detto che gli insediamenti israeliani "non aiutano". Il trasferimento dell'ambasciata Usa a Gerusalemme soprassiede, per ora. In cambio, la Casa Bianca ha fatto sapere all'Autorità Palestinese che prenderà "le misure più severe" contro di essa, se essa si rivolge al Tribunale Internazionale per denunciare i crimini di Sion: chiuderà gli offici della Autorità a Washington, taglierà completamente i pochi fondi che dà ai palestinesi.

Dappertutto, l'impressione di déja vu.

Fonte: http://www.maurizioblondet.it/iran-siria-peggio-trump/

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Correlati:

Trump apre le porte solo ai profughi cristiani provenienti dalla Siria
Siria, Lavrov: spero che con Trump cooperazione sarà più efficiente
Tags:
crisi in Siria, Barack Obama, John McCain, Michael Flynn, Donald Trump, Russia, USA, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik