Widgets Magazine
22:42 23 Agosto 2019
Banca Intesa Sanpaolo

Povera Germania se l’Italia fa default

© AP Photo / Luca Bruno
Punti di Vista
URL abbreviato
14444

Ricapitoliamo. Il sistema bancario italiano ha in pancia 360 miliardi di euro di prestiti andati a male.

Ricapitoliamo. Il sistema bancario italiano ha in pancia 360 miliardi di euro di prestiti andati a male. Il 16% dei prestiti totali, laddove la Spagna, poniamo ne ha solo 6%. Le banche iberiche sono state salvate con iniezioni di denaro pubblico per 60 miliardi, senza  che Berlino obiettasse. Per l'Italia, occorrerebbero 80 miliardi di denaro pubblico; e Berlino si oppone, perché l'Italia ha già il debito pubblico del 133% del Pil; inoltre, dal gennaio 2016 proprio Berlino ha imposto la nuova regola del bail-in e proprio contro l'Italia: non più salvataggi con soldi pubblici, se prima non son fatti pagare azionisti, obbligazionisti e depositanti, tosando loro per salvare le loro banche.

Matteo Renzi
© AFP 2019 / GABRIEL BOUYS
Insomma la Germania vuole da noi italioti almeno due cose contraddittorie: che non salviamo le nostre banche mentre le salviamo svenandoci,  e nemmeno svalutiamo il nostro debito (come si è sempre fatto) come non possiamo più fare; minaccia di darci legati  mani e piedi al Fondo di Stabilità, ossia di farci salire sulla croce in cui tiene da  anni la Grecia, ma nello stesso tempo  dà retta alla sua opinione pubblica tedesca, la quale  si oppone, perché è convinta che mobilitando il Fondo di Stabilità, sarebbe l'economia tedesca a "salvare le economie delle cicale italiane fallite".

Tutto giusto e tutto vero. A patto di tacere un piccolo dettaglio. Da quando è entrato in vigore l'euro, l'Italia ha accumulato un deficit verso la Germania di 359 miliardi; quasi la metà dei 754 miliardi di crediti che la Germania ha dato ai partner dell'euro-zona.  Come mai? Ma perché gli italiani comprassero auto tedesche, merci tedesche,  prodotti tedeschi.  Ha fatto credito. Negli stessi anni in cui ci ha rimproverato del "deficit" eccessivo superiore al 3% annuo, e ci ha ordinato di ridurlo con le austerità, ci ha alimentato il deficit eccessivo, e lo ha alimentato a Francia, Spagna, Portogallo, Grecia.

Ora, quei 754 miliardi che sono scritti nei libri contabili  come crediti "sani" ed esigibili,  lo sono molto meno realmente.  Possono diventare istantaneamente "prestiti non performanti"   e causare l'implosione di quella banca europoide che è la Germania. Una  Montepaschi moltiplicata per 10 o 20.   Con la Grecia, Berlino  è riuscito ad evitare il momento della verità con una spietata finzione: la finzione che la Grecia resti un paese solvibile, col trucco dell'imporre a tutti gli altri membri di prestare  ad Atene cifre colossali  per servire il suo debito impagabile, onde dandole la liquidità — pagata con debito ad interesse, che ingigantisce il debito pubblico ellenico già impagabile.

Con l'Italia può riuscire? Il nostro governo, ultra-europeista  e ancor meno legttimo dei precedenti, fa' di tutto per accontentare la UE. Ma forse non ce la farà. Un giorno o  l'altro, c'è il rischio (o la speranza) che l'Italia faccia bancarotta. Non perché lo voglia, ma perché non può fare altrimenti, dati gli ordini severissimi e contraddittori che riceve da Berlino.

Secondo me, succederà. Da un momento all'altro, dato che i nostri tecnocrati italofoni sono tanto collusi e incompetenti da non riuscire a preveder né a rimediare, e credono alle loro stesse fake news. Succederà all'imprevista, e   dunque in modo incontrollato: dopotutto,  siamo il paese di Caporetto e dell'8 Settembre.  Sarà il più grande default della storia;  affonderebbe  il fortissimo sistema tedesco; che dovendo tornare al marco, perderebbe la celebrata competitività accumulata negli ultimi 15  anni, essenzialmente a spese della competitvità che i membri dell'euro hanno perduto.

Il nuovo marco si rivaluterebbe diciamo di un 30 per cento; l'Italia tornerebbe alla lira, svalutata del 20 rispetto all'euro; alleggerita dalla bancarotta  (non dovrebbe più pagare i crediti che la Germania ci ha prestato perché acquistassimo le sue  merci), potrebbe — dopo i primi sei mesi di devastazione e miseria, avviarsi alla ripresa economica.  Forse.

Dico forse, perché molte imprese industriali e molte competenze industriali   che avevamo in Italia sono già scomparse, cancellate o comprate da stranieri;  più il governo Gentiloni (senza legittimità)  ritarderà la bancarotta, e peggio sarà.  L'Italia oggi "ha urgenza di uscire dall'euro".  Figurarsi se questi Pitruzzella, questi Visco, Padoan e Tarantola, anche volessero,  lo "sanno fare".

I tecnocrati presentono e paventano. Per questo si affrettano a stringere le viti della gabbia dei popoli; la censura alle informazioni "false"  fa' parte dell'accelerazione  con cui il regime conta di solidificarsi e proteggersi, trasformandosi in  vera e propria dittatura totalitaria. L'ulteriore stretta sarà  l'abolizione del contante. Ora capiamo il perché: senza contante,  non sarà possibile la corsa agli sportelli, l'ultima salvezza dei risparmi dalle banche in bancarotta, e sarà realizzato il passo ulteriore verso la moneta unica mondiale dl governo mondiale. L'India ha cominciato  l'esperimento, togliendo  di mezzo l'85% delle banconote circolanti (ciò che produrrà la più  grande carestia mai vista..ma ne riparleremo).   L'Australia conta di abolire la banconota massima, da 100 dollari australiani (circa 70 euro).

Il terzo ingrediente della dittatura lo conoscete già: il Terrorismo. Islamico, naturalmente. Quello rivendicato dall'IS con  messaggi del SITE di Rita Katz.  Che minacci tutti noi nelle nostre città. A  una settimana dalla strage di Berlino, il ministro britannico degli  Interni, Ben Wallace, ha vaticinato: "Daesh  vuol lanciare attacchi chimici nel Regno Unito,  colpire un gran numero di individui,  uccidere quante più persone possibili".  Prove naturalmente nessuna. Abbiate paura, non fate assembramenti mentre vi stringono le viti dei ceppi.

Fonte: maurizioblondet.it

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Tags:
Economia, Banche, Germania, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik