15:14 16 Maggio 2021
Politica
URL abbreviato
161212
Seguici su

Il segretario del PD interviene dopo la raccolta di firme per la cancellazione del coprifuoco lanciata dalla Lega per la Festa della Liberazione. La replica di Salvini: "Letta vuole chiudere a casa gli italiani".

Le restrizioni anti-contagio continuano a provocare fibrillazioni in maggioranza a poche ore dal giorno delle riaperture. Questa volta lo scontro è acceso sulla misura del coprifuoco, confermata nel decreto riaperture, ma osteggiata dalla Lega che ha lanciato una campagna di firme per la cancellazione. Durissimo l'attacco di Enrico Letta al partito che fa opposizione alle misure decise dal governo di cui fa parte. 

Se la Lega "non vuole stare al governo non deve stare al governo. Oggi Salvini sta partecipando a una raccolta firme contro il coprifuoco che il governo, di cui lui fa parte, ha deciso", ha detto il segretario del PD a Mezz'ora in più."Noi siamo dentro questa maggioranza per il bene dell'Italia - ha proseguito - e convintamente andiamo avanti, il nostro giudizio su Draghi è positivo e lo sosteniamo ma è evidente che questa è una maggioranza straordinaria, alle elezioni andremo divisi. Se verranno varcate delle linee rosse la nostra durezza sarà a prova di diamante". 

La raccolta di firme contro il coprifuoco

"Il segretario del Pd Letta non si fida degli Italiani e li vuole tenere ancora chiusi in casa. Io mi fido degli Italiani e vorrei che tornassero a vivere, lavorare, sorridere". Questa la replica a stretto giro di Salvini alle parole di Letta, pubblicata su twitter. 

Poco prima il leader della Lega aveva lanciato in occasione della festa della Liberazione la campagna per la cancellazione del coprifuoco, che ha già raccolto in poche ore oltre 30 mila firme.

All'iniziativa ha aderito Fratelli d'Italia, partito d'opposizione al governo Draghi ma alleato di centrodestra della Lega. Dalle sue pagine social Giorgia Meloni ha chiesto l'eliminazione immediata del coprifuoco. 

"La libertà, mentre la celebriamo, non è più scontata. A oltre 70 anni dall'inizio della nostra Repubblica democratica, e ad oltre un anno dall'inizio della pandemia, il Governo ancora pensa di potersi arrogare il diritto di decidere se e quando gli italiani possano uscire di casa. Appello a tutti coloro che credono nel valore della libertà: aiutateci ad abolire il coprifuoco", scrive su Facebook.

La replica di Letta

"Draghi ha tenuto il punto ed ha fatto bene. Non voglio creare problemi voglio che il governo vada avanti due anni, ma non può succedere di nuovo che un partito dentro la maggioranza non voti. Chi lo fa deve tirare le conseguenze, chi non vuole stare al governo non deve stare al governo", ha detto Letta da Lucia Annunziata.

Il segretario del PD teme che un errore in questa fase nel calendario delle riaperture potrebbe mettere a rischio la stagione estiva.

"Non ci sono buoni o cattivi che vogliono togliere o mettere il coprifuoco, le riaperture devono essere in sicurezza ed irreversibili", ha sottolineato. 

Da domani 26 aprile entrerà in vigore il decreto riaperture che prevedere il ripristino delle zone gialle con l'apertura di bar e ristoranti a pranzo e cena negli spazi all'aperto. Le nuove norme non prevedono lo slittamento del coprifuoco che resta fissato dalle 22 alle 5 dell'indomani.

Tags:
PD, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook