08:04 18 Maggio 2021
Politica
URL abbreviato
233
Seguici su

Il presidente della Commissione europea ha collegato l'accaduto al ritiro della Turchia dalla Convenzione di Istanbul.

Ursula von der Leyen si è espressa nel suo intervento oggi alla Conferenza dei presidenti del parlamento europeo anche sull'incidente diplomatico che l'ha vista vittima ad Ankara, definendolo "molto imbarazzante". Lo riporta l'Ansa.

Per il presidente della Commissione europea la natura dell'incidente è legata alla questione del genere, argomento riguardo il quale ha chiamato in causa il ritiro della Turchia dalla Convenzione di Istanbul. 

La Von der Leyen ha evidenziato che incidenti simili non dovranno accadere più, ragion per cui simili missioni saranno preparate congiuntamente.

Tornato sul tema anche il presidente dell'UE Charles Michel, presente all'incontro con la Von der Leyen, che ha parlato di offesa ai suoi danni e a quelli di tutte le donne.

Michel ha anche  rivelato che il servizio di protocollo del Consiglio UE non ha avuto accesso alla sala riunioni con Erdogan, non potendo prendere atto della situazione. Il politico lo ha definito un errore che ha intaccato l'unità dell'UE. 

Michel non ha comunque mostrato il suo disappunto con Erdogan per non mettere a repentaglio il lavoro fatto con la Turchia.

In precedenza durante una conferenza stampa il presidente del Consiglio Mario Draghi aveva espresso il suo pensiero sull'atteggiamento tenuto dal presidente turco nell'incontro con i leader della Ue Charles Michel e Ursula Von der Leyen, definendolo non appropriato, in particolare per la mancanza di rispetto mostrata alla presidente della Commissione Europea, costretta a stare in piedi. Per Draghi Erdogan aveva umiliato la Von der Leyen. Le parole di Draghi hanno indotto l'immediata reazione delle autorità turche, che hanno convocato l'ambasciatore italiano. Il ministro degli esteri turco Mevlut Cavusoglu ha definito "inaccettabile retorica populista" le parole di Draghi.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook