01:27 08 Maggio 2021
Politica
URL abbreviato
1 0 0
Seguici su

Carlo Calenda se ne va per la sua strada dopo le parole di Enrico Letta che per scegliere il candidato sindaco a Roma vuole le primarie di partito.

Alla notizia che il segretario del Partito Democratico, Enrico Letta, insisterebbe per delle primarie di partito per scegliere il loro candidato alla carica di sindaco di Roma, il candidato sindaco Carlo Calenda (Azione), si chiama fuori ed annuncia:

“Il dado è tratto. Scelta legittima. A questo punto le nostre strade si separano. Crediamo che occorra smettere di parlare per mesi solo di PD, coinvolgere i cittadini in modo trasversale e operare un rinnovamento di classe dirigente che le primarie tra correnti non garantiscono.”

​Quindi Calenda rilancia e sfida il PD a confrontarsi sui temi, ma “con apertura e reciproca disponibilità”. Oggi il leader di Azione presenzierà un webinar per parlare del piano rifiuti a Roma.

Enrico Letta verso il 2023

Le primarie a Roma per scegliere il candidato sindaco sono forse la prima significativa cesura tra la gestione precedente e attuale del PD.

Dopo vari tentennamenti, ironizzati sui social dallo stesso Calenda, il Partito Democratico ora fa sul serio e con questa mossa dice molto di più, perché oggettivamente si smarca dal Movimento 5 Stelle e decide di andare per conto suo alle amministrative di Roma.

L’obiettivo ampio, lo ha spiegato ieri Letta intervenendo in una trasmissione radiofonica e ripreso da Adnkronos.

“Le amministrative sono un banco di prova molto significativo per la costruzione dell'alleanza vincente in vista delle politiche del 2023. Abbiamo iniziato a discutere, anche se ancora tutto via Zoom, e la politica via Zoom non è la stessa cosa... Le amministrative per noi saranno partecipazione, e la via maestra per me sono le primarie con cui individuare candidati. Io sono sempre stato contrario a accordi blindati chiusi in segrete stanze. La partecipazione delle primarie è sempre una grandissima spinta di energia anche per la candidata o il candidato che le vincono”.

Tags:
Enrico Letta, Carlo Calenda, Politica Italiana
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook