21:12 14 Maggio 2021
Politica
URL abbreviato
Di
1018
Seguici su

Il capo della task force europea sui vaccini, Thierry Breton, rassicura sugli obiettivi della campagna vaccinale del continente dopo il rapporto dell’Ema sul rischio trombosi legato ad AstraZeneca. E ribadisce l’obiettivo di arrivare a 2-3 miliardi di dosi prodotte in Europa entro fine anno.

Intervistato da alcuni media europei, tra cui Repubblica, Breton ammette che “si stanno rifacendo i calcoli” sulle dosi di vaccino disponibili, dopo i timori per gli effetti collaterali del siero del colosso anglo-svedese, “ma anche se dovessimo rinunciare a 70 milioni di vaccini AstraZeneca saremmo comunque capaci di raggiungere l'obiettivo".

"Con 380 milioni di fiale, tra cui 55 milioni monodose Johnson&Johnson avremo vaccini a sufficienza per immunizzare il 70% degli adulti in Europa già entro la metà di luglio”.

Il 70% è la soglia indicata dagli esperti per poter riprendere a viaggiare, avere una vita sociale e garantire la stagione turistica, ha ricordato Breton, aggiungendo che l’Ue continuerà quindi ad adoperarsi per arrivare, entro la fine dell'estate, ad avere in tutto 600 milioni di vaccini.

“Il che significa che il 100% della popolazione adulta potrà essere immunizzato".

Vaccino Sputnik

Interpellato sull’annuncio di Berlino di voler ordinare, in via bilaterale, il vaccino Sputnik dopo il via libera dell’Ema, il commissario ha risposto: “Per fare la differenza un vaccino dovrebbe arrivare entro 3-4 mesi e se questo non avviene siamo comunque in grado di farcela”.

“Sputnik potrebbe ottenere il via libera dell’Ema tra 3-4 mesi, ma poi ci vorranno dai 6 ai 12 mesi per produrlo mentre l’Europa nel secondo trimestre avrà circa un miliardo di vaccini. Noi rispettiamo l’eccellente lavoro degli scienziati russi e cinesi, ma c’è un malinteso: pensare che vai su Amazon, fai un ordine e il giorno dopo ti arriva a casa è un modo di ragionare della società consumista. Coi vaccini non funziona così, per produrli ci vuole tempo”.

A fine anno 2-3 miliardi di vaccini

Come annunciato nelle scorse settimane, Breton ha infine ribadito che l’Europa conta di produrre entro fine anno 2-3 miliardi di dosi.

“A fine anno saremo il continente con la maggior produzione di vaccini al mondo, ne avremo 2-3 miliardi”.

Rapporto Ema su AstraZeneca

L'agenzia europea del farmaco (Ema) ha ammesso i legami, pur rari, tra vaccino e trombosi, ribadendo però che i benefici sono comunque superiori ai rischi.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook