19:49 22 Aprile 2021
Politica
URL abbreviato
0 40
Seguici su

Giorgia Meloni di Fratelli d'Italia boccia l'azione dell'esecutivo guidato da Mario Draghi. Se questo è quel che sa esprimere, ci tenevamo Giuseppe Conte, afferma.

Giorgia Meloni lo ripete anche dalle colonne del quotidiano Il Tempo, il governo di Mario Draghi gli appare molto in linea con l’esecutivo di Giuseppe Conte.

La ristorazione, il fiore all’occhiello della nostra economia, è diventata il capro espiatorio dell’incapacità del governo”, afferma la segretaria di Fratelli d’Italia al quotidiano.

Il giudizio sintetico, che riassume anche l’intervista a Giorgia Meloni, sta tutto in queste sue parole in risposta la ministro Roberto Speranza che aveva chiesto di non soffiare sul malcontento degli italiani.

“Non so esattamente cosa intendesse dire il ministro. Se gli italiani sono inquieti è perché sono esausti di subire scelte senza senso, di fare sacrifici che non portano a nulla e di avere un governo che naviga a vista e non ha una strategia per consentire all'Italia di ripartire. Se gli italiani hanno paura è perché le scelte sulla lotta alla pandemia, sui ristori e le riaperture sono le stesse del governo precedente. Ma per fare le stesse cose di Conte ci tenevamo lui e non c'era alcun bisogno di scomodare Draghi”.

Il problema principale per la Meloni sono le riaperture delle attività che rientrano nel settore Ho.Re.Ca., ovvero gli alberghi, i bar, e tutte le attività ristorative, comprese pizzerie, ma anche pasticcerie e gelaterie, pub, e quant’altro.

Secondo la Meloni, infatti, l’aver garantito loro sostegni “dall’1,7% al 5% del calo del fatturato del 2020 rispetto al 2019” è poca cosa.

“C’è veramente qualcuno che pensa che un ristoratore che ha perso centinaia di migliaia di euro si salverà col 2% di ristoro?”, domanda Meloni che punta il dito sul rinnovo dei fondi dati ai navigator, la figura introdotta dalla legge di bilancio 2018 per sostenere i disoccupati in cerca di lavoro.

Ma se la prende anche con il cashback, e chiede che i 5 miliardi di euro messi per questa misura vengano dirottati invece sui ristori alle imprese produttive.

Avevamo chiesto a Draghi di sospendere il cashback e destinare i 5 miliardi ora impiegati nell’ideologica lotta al contante ai ristori, ma ci ha detto di no. Mercoledì sarà discussa in Senato la mozione di FdI proprio sull’abolizione del cashback e vedremo come voteranno le varie forse politiche”, argomenta la leader di Fratelli d’Italia.

Tags:
Giorgia Meloni, Politica Italiana
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook