11:16 23 Aprile 2021
Politica
URL abbreviato
5136
Seguici su

Il Ministro degli Esteri russo non lo nasconde: le relazioni tra UE e Federazione Russa sono ad un vicolo cieco. Mosca continua a dialogare singolarmente con i paesi disposti al confronto.

L'unica cosa rimasta dalle relazioni con l'UE, è il documento essenziale sulle condizioni di commercio e investimenti, anche se l'implementazione effettiva dell'accordo viene eseguita mediante canali bilaterali direttamente con i paesi membri della UE, ha dichiarato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov

"Per quanto riguarda l'invito a noi a diventare un membro associato dell'UE, non abbiamo mai accettato di firmare un documento di associazione. Ora questo viene fatto con i paesi del Partenariato orientale: Armenia, Ucraina, Moldova. Tuttavia, dai rapporti con l'UE, che Bruxelles stava distruggendo, rimane solo una cosa: il documento essenziale sulle condizioni di commercio e investimenti che era stato oggetto di negoziati tra la Commissione di Bruxelles e la Federazione Russa. Questo è un documento che rimane in vigore." - ha precisato Lavrov. 

Lo scorso 23 marzo Lavrov ha affermato che Mosca non ha più rapporti con l'Unione Europea, in quanto sono stati distrutti da Bruxelles.

Secondo il ministro russo, l'Europa "ha distrutto dei meccanismi che erano stati sviluppati nel corso di lunghi anni ed ora restano solo pochi Paesi europei partner, che vogliono perseguire i propri interessi nazionali".

Lavrov aveva aggiunto che la Russia resta disponibile a ristabilire delle relazioni con l'Europa sulla base dell'uguaglianza e della ricerca di un equilibrio tra gli interessi "se o quando l'UE troverà appropriato eliminare questa anomalia nei suoi contatti con la Russia".

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook