04:04 15 Aprile 2021
Politica
URL abbreviato
368
Seguici su

La Russia spera per il meglio ma si prepara al peggio nelle relazioni bilaterali con gli Stati Uniti, ha affermato oggi il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, commentando l'opinione degli analisti secondo cui le due superpotenze potrebbero entrare in una nuova Guerra Fredda.

"Commentatori ed analisti si guadagnano da vivere con queste previsioni. Certo, speriamo sempre per il meglio, ma siamo ancora pronti al peggio", ha detto Peskov ai giornalisti.

"Vedete, il presidente ha chiaramente indicato il suo desiderio di salvaguardare le relazioni tra i due Paesi, indipendentemente da tutto, in quanto giova agli interessi non solo dei nostri due Paesi, ma anche agli interessi del mondo intero. Tuttavia, non possiamo non prendere in considerazione le dichiarazioni di Biden", ha proseguito il portavoce del Cremlino.

Si lavora attraverso i canali diplomatici sulla richiesta di mantenere i contatti tra il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo americano Joe Biden, ha aggiunto Peskov.

"Si stanno intraprendendo azioni attraverso i canali diplomatici per la richiesta di questi contatti", ha detto ai giornalisti il ​​portavoce del Cremlino, ricordando che la precedente conversazione tra Biden e Putin è avvenuta su iniziativa di Washington.

"In questo momento, alla luce di questa iniziativa del presidente Putin, la parte russa mostra la stessa iniziativa promuovendo questa iniziativa attraverso i canali diplomatici e aspetterà una risposta", ha detto Peskov.

Ha continuato rilevando che non ci possono essere dibattiti tra i due presidenti.

"Naturalmente non ci può essere alcun dibattito tra i due presidenti, (Putin) ha suggerito di fare solo un discorso, continuare il dialogo tra i capi dei due Stati", ha detto Peskov ai giornalisti.

Peskov ha detto che Putin ha proposto di avere una discussione live perché la dichiarazione di Biden era "abbastanza senza precedenti" e per non permettere che queste parole danneggino le relazioni russo-americane che versano già in cattivo stato.

"Poiché le stesse parole del presidente Biden erano del tutto inedite, lo ripeto ancora una volta, non si possono escludere formati di comunicazione senza precedenti", ha aggiunto Peskov.

In un'intervista con ABC News avvenuta mercoledì il presidente statunitense ha detto di essere d'accordo con la caratterizzazione di Putin come "assassino", aggiungendo inoltre che il capo di Stato russo non ha un'anima e asserendo di conoscere il leader russo "relativamente bene." Inoltre l'inquilino della Casa Bianca ha avvertito che la Russia avrebbe "pagato un prezzo" per la sua presunta ingerenza alle scorse presidenziali: per l'intelligence americana su disposizione di Vladimir Putin Mosca avrebbe intrapreso "tentativi di influenza" per screditare Biden e avvantaggiare Donald Trump.

Mosca ha respinto le accuse di intromissione, definendole infondate, con il Cremlino che ha dichiarato di aver preso atto che con gli attacchi personali a Putin la nuova amministrazione americana non è intenzionata a migliorare le relazioni bilaterali.

Lo stesso Putin ha respinto le osservazioni di Biden, dicendo di augurare sinceramente al leader degli Stati Uniti "buona salute" e suggerendo che il presidente degli Stati Uniti potrebbe aver proiettato i peccati degli Stati Uniti sulla Russia.

Oggi il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha espresso solidarietà al capo di Stato russo, definendo le osservazioni di Biden "non consone ad un presidente" ed elogiando la risposta "elegante" del leader russo.

Tags:
Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, Vladimir Putin, Joe Biden, Cremlino, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook