20:17 22 Aprile 2021
Politica
URL abbreviato
7325
Seguici su

Otto Paesi europei hanno deciso di aderire alle sanzioni dell'Unione Europea contro il Venezuela, che a febbraio hanno portato all'espulsione dell'ambasciatore dell'UE a Caracas e alla qualifica di persona non grata del rappresentante venezuelano a Bruxelles. Lo ha riferito il Consiglio dell'UE.

"Il 22 febbraio il Consiglio dell'UE ha deciso di aggiungere 19 persone all'elenco di quelle sanzionate contro il Venezuela. I Paesi candidati Macedonia del Nord, Montenegro e Albania, quelli dell'Associazione europea di libero scambio Islanda e Liechtenstein, nonché Ucraina, Moldova e Georgia si sono uniti a quella decisione ", dice il documento diffuso il 18 marzo.

La dichiarazione afferma che "l'UE ha preso atto di questo impegno, cosa che ha accolto con favore".

Il 22 febbraio l'UE ha imposto nuove sanzioni contro 19 funzionari statali venezuelani, sostenendo che le elezioni parlamentari del 6 dicembre non abbiano rispettato gli standard necessari.

Tra i sanzionati vi sono deputati dell'opposizione, rettori del Consiglio elettorale nazionale (CNE) e magistrati.

Dopo il provvedimento, l'Assemblea nazionale venezuelana (Parlamento unicamerale) ha approvato un accordo per l'esecutivo per l'espulsione e la dichiarazione di persona non grata dell'ambasciatore dell'UE nel Paese latinoamericano, Isabel Brilhante.

In risposta l'UE ha dichiarato persona non grata la rappresentante di Caracas negli organi del Consiglio europeo, Claudia Salerno, che ricopre anche la carica di ambasciatore del Venezuela in Belgio.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook