19:48 22 Aprile 2021
Politica
URL abbreviato
41216
Seguici su

La leader dell'opposizione a Draghi è intervenuta sulla proposta del fatta dal neosegretario PD all'assemblea del partito, per estendere il voto ai sedicenni.

Portare a 16 anni il diritto di voto non è una priorità per i giovani, ma solo demagogia. Ai sedicenni deve essere garantito il diritto all'istruzione, alla socialità e alla libertà, secondo Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d'Italia, che dai suoi canali social boccia la proposta del neosegretario del PD, Enrico Letta. 

"Davvero qualcuno crede che per i 16enni oggi la priorità sia il diritto di voto e non all'istruzione, alla socialità, alla libertà? Le forze di ausilio si occupino di fronteggiare epidemia e crisi economica per tornare il prima possibile alla normalità, anziché fare demagogia", ha twittato la Meloni. 

​Il voto a 16 anni

Le politiche giovanili saranno al centro dell'azione di Enrico Letta. Lo ha dichiarato il neosegretario del PD il giorno della sua elezione davanti all'assemblea. Nel suo discorso programmatico le politiche giovanili costituiscono la seconda priorità dopo la questione di genere. 
In particolare Letta intende estendere la platea dei giovani votanti abbassando a il voto a 16 anni. Un altro punto su cui il neosegretario ha insistito è lo ius soli. 

Il discorso di Letta è stato applaudito anche dall'ex premier Giuseppe Conte e da Luigi Di Maio, mentre è stato criticato da Matteo Salvini e dalla Lega. 

 

Tags:
Scuola, Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook