19:55 22 Aprile 2021
Politica
URL abbreviato
3351
Seguici su

In precedenza un tribunale del Paese sudamericano aveva emesso il mandato di arresto nei confronti di Jeanine Añez, l'ex presidente ad interim che aveva preso il potere con un colpo di stato alla fine del 2019.

Il governo boliviano ha annunciato oggi l'arresto di Jeanine Áñez, che andrà incontro ad un processo per il rovesciamento di Evo Morales nel novembre 2019. Questa azione giudiziaria è stata definita dall'ex presidente come "un abuso e persecuzione politica".

"Informo il popolo boliviano che Jeanine Añez è già stata arrestata e in questo momento è nelle mani della polizia", ​​ha twittato Eduardo del Castillo, ministro degli Interni.

​L'arresto, i cui dettagli sul luogo e sull'ora non sono stati al momento resi noti, è stato annunciato poche ore dopo l'emissione di un mandato d'arresto da parte di due procuratori che curano l'inchiesta a seguito di una denuncia per colpo di stato contro i responsabili dello sconvolgimento democratico del 2019, in cui è stato rovesciato l'ex presidente Evo Morales.

© REUTERS / Jose Lirauze/Courtesy of Bolivian Presidency
Evo Morales
La Añez ha lasciato la presidenza all'inizio di novembre quando la guida dello Stato boliviano è stata assunta da Luis Arce del Movimento per il Socialismo, dopo la vittoria schiacciante alle elezioni del 18 ottobre. Il voto era stato ripetutamente rinviato, scatenando proteste e alimentando i timori di una deriva antidemocratica.

L'ex presidente boliviano Evo Morales si è dimesso da presidente e ha lasciato la Bolivia nel novembre 2019, sotto la pressione dei militari, dopo che l'opposizione boliviana, guidata da Carlos Mesa, ha affermato che c'erano state violazioni di massa durante le elezioni dell'autunno 2019. La maggior parte degli alti funzionari della Bolivia si è dimessa subito dopo. Il potere nel paese è stato assunto dalla vicepresidente del Senato e rappresentante dell'opposizione Jeanine Añez. Lo stesso Morales ha definito gli eventi un colpo di stato.

Tags:
arresto, Giustizia, America Latina, Bolivia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook