02:51 20 Aprile 2021
Politica
URL abbreviato
Di
23327
Seguici su

Approvato in commissione Esteri alla Camera con i voti di Pd, M5S e Leu l'emendamento che istituisce il reato internazionale di aggressione per chi blocca una nave con i migranti a bordo. A votare contro soltanto Fratelli d'Italia: "Chi difende i confini è un patriota, non un criminale".

Bloccare una nave con i migranti a bordo è un crimine. Lo ha deciso la corte penale internazionale, che in un emendamento al proprio statuto ha introdotto una nuova fattispecie di reato, quella di aggressione.

Insomma, la soluzione avanzata a più riprese da Giorgia Meloni per mettere un freno agli sbarchi, quella del blocco navale, è considerata ormai un crimine internazionale.

La leader di Fratelli d’Italia  Giorgia Meloni a Roma
© AFP 2021 / Alessandra Tarantino / Pool
La leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni a Roma
La questione è stata affrontata ieri in commissione Esteri alla Camera, dove l’emendamento è stato approvato con i voti favorevoli di Pd, Leu e M5S.

Maggioranza spaccata sul blocco navale

Assenti, come riferisce Repubblica, i deputati di Forza Italia, mentre quelli della Lega hanno optato per l’astensione. Un atto di “non belligeranza”, nota lo stesso quotidiano, che arriva mentre il leader Matteo Salvini chiede al premier Mario Draghi un cambio di passo sulla politica dei porti aperti ai migranti.

Unici a votare contro, i deputati di Fratelli d’Italia. Il capogruppo del partito in commissione Esteri, Andrea Del Mastro, è netto: “I criminali internazionali sono gli scafisti non chi vuole disarticolare la tratta degli schiavi e difende i confini anche con il blocco navale".

“Chi difende in ogni modo i confini – ha ribadito, intervistato da Repubblica – è un patriota”. E i deputati del partito di Giorgia Meloni ora promettono “battaglia” una volta che il provvedimento arriverà in aula alla Camera.

L’obiettivo, spiega Del Mastro, è “affermare il diritto dello Stato italiano a difendere confini e frontiere”.

L'appello di Landini per la cittadinanza agli immigrati

Intanto la sinistra è in pressing sul governo anche sul fronte della cittadinanza agli stranieri. A rilanciare il dibattito sullo Ius Soli, in un’intervista a  FanPage, è il segretario nazionale della Cgil, Maurizio Landini, che durante le consultazioni aveva indicato la questione come prioritaria al premier Draghi.

“Non capisco perché ragazzi che sono nati qui, che hanno studiato qui, e vuol dire che hanno genitori che lavorano qui, che pagano le tasse qui, che pagano i contributi qui, non dovrebbero avere gli stessi diritti e le stesse tutele di tutti gli altri”, si domanda il sindacalista.

“Questa è la condizione per costruire un'integrazione per smetterla di avere paura, o di creare e alimentare paura verso un bersaglio sbagliato. Anche perché – prosegue Landini - la migrazione sarà sempre più frequente e noi rimarremo comunque un Paese al centro del Mediterraneo e dell'Europa”.

“Le politiche basate sulla paura che sono state fatte in questi anni – conclude - non solo non risolvono il problema, ma fanno arretrare anche il nostro Paese”.

Correlati:

"Mar Jonio pagata per trasportare i migranti": inchiesta aperta dalla procura di Ragusa
Sea Watch 3 chiede un porto a Italia o Malta: 363 migranti a bordo
Salvini vuole i porti chiusi ai migranti
Tags:
reato, voto, Fratelli d'Italia, commissione, Blocco navale
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook