00:20 17 Aprile 2021
Politica
URL abbreviato
21512
Seguici su

L'Unione Europea deve migliorare la sua posizione nei confronti del Venezuela, ha affermato il presidente Maduro dopo l'annuncio di nuove sanzioni europee. Se le misure afflittive verranno mantenute, Caracas non accetterà più alcun dialogo con Bruxelles, ha avvertito il presidente.

A seguito degli annunci di nuove sanzioni europee contro Caracas che hanno portato all'espulsione dell'ambasciatore europeo in Venezuela, il presidente Maduro ha affermato che il suo Paese non dialogherà più con la Ue se la sua politica di sanzioni verrà mantenuta.

"Non volevamo farlo. Agiamo contro la nostra volontà, proprio perché vogliamo avere migliori rapporti con tutta l'Europa, ma non possiamo permettere a nessuno di venire ad offendere, attaccare o sanzionare il Venezuela. Non lo accetteremo da nessuno", ha detto in un discorso televisivo il 24 febbraio.

Riferendosi ai tentativi di Caracas di riprendere il dialogo con la Ue e agli importanti passi intrapresi per ristabilire i legami, il capo di stato venezuelano ha avvertito che non resterà inerte se Bruxelles non revocherà le sanzioni:

"O cambiate la vostra posizione, o non ci sarà mai alcun accordo, nessun dialogo".

Con dignità il Venezuela sarà in grado di rispondere a tutti gli attacchi, ha avvertito Nicolas Maduro, aggiungendo che "la Ue è benvenuta in Venezuela, ma deve rispettare la nazione, la democrazia e le istituzioni democratiche dello Stato".

In precedenza le autorità venezuelane avevano espulso la rappresentante diplomatica della Ue Isabel Brilhante Pedrosa dopo che Bruxelles aveva imposto nuove sanzioni contro il Paese a seguito delle elezioni parlamentari tenute lo scorso 6 dicembre, in quanto non conformi agli standard richiesti.

Tags:
Unione Europea, Nicolas Maduro, Venezuela
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook