10:44 26 Febbraio 2021
Politica
URL abbreviato
217
Seguici su

In un servizio de 'Le Iene' rivelati i politici che hanno visto i maggiori incrementi del loro reddito da quando sono entrati in Parlamento. A guidare la classifica è Matteo Renzi. Ma la carriera politica non si è rivelata redditizia per tutti.

La politica è ormai da molti vista soprattutto come una carriera redditizia e 'Le Iene' hanno verificato per chi in Italia è stato davvero così. 

A guadagnare di più dalla sua entrata in Parlamento è stato Matteo Renzi, passato dai 98.961 Euro di reddito del 2013 al 1.037.851 di Euro del 2019. Un incremento di ben 938.890 Euro. 

Secondo posto per la senatrice leghista Giulia Bongiorno, passata dai 173.534 Euro del 2005 ai 817.672 Euro del 2019. Un incremento di 644.138 Euro. 

Sul gradino più basso del podio si piazza il senatore del PD Andrea Marcucci, passato dagli 83.192 Euro del 1991 ai 509.232 Euro del 2019. Un incremento di 426.040 Euro.

A seguire il senatore leghista Simone Pillon (+203.243 Euro), il presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati (+215.699 Euro), Daniela Santanché di Fratelli d'Italia (+206.780 Euro), stesso partito di Ignazio La Russa (+239.682 Euro).

Ma l'entrata in politica non è economicamente convenuta a tutti e soprattutto a Paolo Zangrillo, fratello del medico Alberto, di Forza Italia (-709.403 Euro).

In passivo anche molti volti noti della politica come l'ex premier Giuseppe Conte (-211.840 Euro) e alcuni attuali ministri tra cui Dario Franceschini del PD (-94.467 Euro) e Renato Brunetta di Forza Italia (-38.022 Euro).

In rosso anche il critico d'arte Vittorio Sgarbi (-16.451 Euro).

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook