04:12 02 Marzo 2021
Politica
URL abbreviato
1419
Seguici su

Il leader di Italia Viva ha elogiato la sua operazione politica che ha portato ala caduta del governo Conte e all'avvento di quello di Draghi, di cui ha sottolineato la natura politica e non tecnica.

"Il mio futuro? Intanto mi rilasso per qualche settimana. Ora il volante ce l'ha uno che sa guidare e questo mi tranquillizza", ha dichiarato Matteo Renzi nella trasmissione 'Porta a Porta'.

Dopo essere stato incalzato sul suo futuro, il senatore ha analizzato il suo passato e la sua carriera politica, confessando in proposito che "quando fai politica, sia che tu vinca o che tu perda, è un'esperienza umanamente intensa: quella a cui sono più legato è il sindaco, quella più importante è il presidente del Consiglio, quella più difficile l'ultima operazione. Il cambio Conte-Draghi è in assoluto, nella mia esperienza politica, la cosa più difficile, incredibile e più utile al Paese che abbia mai fatto". 

A proposito del nuovo governo che ha contribuito a creare generando la crisi di quello di Conte, Renzi ne ha sottolineato la natura politica.

"Draghi farà bene e secondo me Draghi è molto più politico di Conte: ha fatto il segretario generale del Tesoro, il governatore della Banca d'Italia, il presidente della Banca centrale europea: è più politico di molti che lo hanno preceduto, quindi ha una capacità di amministrare la cosa pubblica in modo evidente. Non lo definirei un non politico, tutt'altro", ha detto.

Il leader di Italia Viva aveva espresso simili apprezzamenti anche dopo il discorso in Senato di Draghi, commentando poi sul suo profilo Facebook: "A chi ancora oggi si domanda: ma aveva senso aprire la crisi? Rispondo semplicemente di leggere il discorso del nuovo Premier. E direte insieme a noi: sì, ne valeva la pena".

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook