00:24 06 Marzo 2021
Politica
URL abbreviato
4210
Seguici su

Rocco Casalino si racconta e spiega il dopo che verrà nella vita di Giuseppe Conte. Ora è il momento della riflessione prima che quello delle decisioni.

Rocco Casalino, il portavoce dell’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte si racconta al Corriere della Sera e svela quello che ha vissuto in questi anni accanto al professore.

Egli non crede che “Conte sarà presto dimenticato. Il video del suo addio ha incassato su Facebook un milione di like, numeri pazzeschi che non ha nessuno al mondo. Proprio tutto questo consenso ha fatto di lui un problema”, afferma il portavoce. "Quando Conte è uscito la commozione ha colpito tutto il palazzo. Lui ha il dono di arrivare al cuore e questo lo renderà diverso da tutti i presidenti del Consiglio".

Tutti sanno che è stato Renzi a farlo cadere “con una manovra di palazzo ben studiata”, dice Casalino e per quanto riguarda il suo futuro politico lui dice di sapere come farlo tornare, ma che è Conte che deve decidere “cosa vuole fare”.

Per Casalino l’ex premier è “una risorsa importantissima per il M5S, ma questo è un mio desideri personale”, ammette chiarendo che le scelte sono di Conte e del Movimento di Beppe Grillo.

Non sarebbe vera, poi, la competizione tra Di Maio e il premier, perché in realtà “sono sempre andati d’amore e d’accordo”.

Il partito di Conte

Gli viene chiesto se l’ex premier pensa di costituire un suo partito, ma Casalino afferma di non saperlo e di sperare solo che “la sua strada si intersechi con quella del Movimento”.

Per quanto riguarda la sua strada personale, dice che lui appartiene al M5S e sta per ora decidendo se continuare a fare il portavoce di Conte oppure no. La comunicazione tra loro non si è interrotta e si sentono ancora, ma per il momento vince la riflessione del cosa fare in futuro.

Casalino già lo sa, vendere il suo libro appena pubblicato nelle librerie.

Tags:
Giuseppe Conte
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook