18:50 19 Aprile 2021
Politica
URL abbreviato
332
Seguici su

Salute, lavoro e ritorno alla normalità: sono queste le tre priorità indicate da Matteo Salvini per il lavoro del prossimo governo Draghi.

Ospite ai microfoni di Mattino 5, il leader della Lega, Matteo Salvini, ha esortato la nuova maggioranza che sosterrà il governo Draghi a mettere da parte le divergenze per concentrarsi sui reali problemi che affliggono l'Italia.

"Lasciamo perdere i litigi, le ideologie, gli steccati ideologici e lavoriamo su tre priorità: salute, lavoro e ritorno alla vita", sono state le parole di Salvini, che ha quindi suggerito di evitare i temi divisivi.
Francesco_Ammendola
Mario Draghi
  • Tutela dei posti di lavoro;
  • aiuto alle aziende;
  • e la creazione di uno strumento unico per la Cassa integrazione.

Ecco i punti salienti del programma proposto da Salvini che, parlando del futuro ministero della Transizione ecologica, non ha risparmiato una frecciata al M5S:

Grillo parla di ambiente dal salotto di casa sua, la tutela dell'ambiente è sacrosanta ma va collegata allo sviluppo, alla crescita dell'Italia, per le opere pubbliche", ha incalzato.

Da Draghi "parole confortanti"

L'ex ministro dell'Interno ha quindi rivelato che, nel corso dei colloqui con Mario Draghi, il Carroccio si è visto rassicurare dal punto di vista del piano del governo, che è quindi stato giudicato idoneo:

"Noi abbiamo parlato alla luce de sole delle esigenze degli italiani, abbiamo detto che prima del partito viene l'interesse del Paese. Abbiamo sentito risposte che ci hanno confortato", ha proseguito Salvini.

Il sostegno della Lega al governo Draghi

Al termine delle consultazioni dello scorso martedì, la Lega ha annunciato la propria intenzione di partecipare ad un esecutivo presieduto da Mario Draghi.

La nuova maggioranza sarà dunque supportata da quasi tutte le maggiori forze politiche, PD, FI e Lega, compreso il M5S, che nella giornata di ieri ha votato sì al quesito posto sulla piattaforma Rousseau.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook