21:41 25 Febbraio 2021
Politica
URL abbreviato
433
Seguici su

Le operazioni di voto sulla piattaforma Rousseau hanno avuto inizio alle 10 e proseguiranno fino alle 18 di questa sera.

Al termine delle votazioni su Rousseau il Movimento 5 Stelle dovrà decidere se astenersi dal votare la fiducia al governo Draghi o se votare contro.

Lo ha riferito quest'oggi Davide Casaleggio, commentando l'avvio delle operazioni di voto sulla piattaforma dei pentastellati:

"Qualora vincesse il no, ci sarà da stabilire se il voto del Movimento sarà negativo o di astensione", sono state le parole del figlio del cofondatore del M5S.

Casaleggio, auspicandosi una grande partecipazione popolare al voto, ha quindi precisato di fronte ai giornalisti che il "quesito da porre sul governo Draghi attraverso la piattaforma Rousseau" è stata scelta da Vito Crimi "in qualità di capo politico del M5S".

Il voto del M5S sul governo Draghi

Oggi è giornata di di votazioni per il Movimento 5 Stelle che è chiamato a scegliere tramite il voto sul Rousseau se sostenere il nuovo governo o se schierarsi all'opposizione nei confronti del presidente incaricato Mario Draghi.

Dopo polemiche interne che hanno sfiorato la frattura, culminate martedì sera con una diretta web in cui Beppe Grillo chiedeva il rinvio, la votazione prevista per il 10 e 11 febbraio si tiene in formato ridotto dalle 10 alle 18 di oggi. 

Il quesito 

Il quesito su cui gli attivisti sono oggi chiamati a rispondere, pone tre condizioni per il sostegno del M5S all'esecutivo dell'ex governatore della BCE: 

  • la natura tecnico-politica del governo; 
  • la creazione di un super-ministero della transizione ecologica; 
  • la difesa dei principali risultati del movimento, in particolare reddito di cittadinanza e proroga dello stop licenziamenti, questioni ritenute dirimenti per gli attivisti.
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook