02:45 28 Febbraio 2021
Politica
URL abbreviato
186
Seguici su

Il viceministro della Salute avverte che il ritorno sarà possibile solo dopo il rallentamento della diffusione delle varianti. Le riaperture saranno graduali e legate all'andamento del piano vaccinale.

"Pronti al passaggio delle consegne". Così dichiara Pierpaolo Sileri, vice di Speranza alla Sanità, intervistato ai microfoni di L'Italia s'è desta su Radio Cusano Campus. Il suo intervento ha riguardato sia la situazione sanitaria, le misure restrittive, il piano vaccini e la situazione all'interno del Movimento 5 Stelle, che oggi affronterà il voto su Rousseau. 

Ritorno alla normalità

Sileri ritiene che sia necessario "un cauto ottimismo" nel fare gli annunci, riferendosi all'eccessivo entusiasmo suscitato dalle dichiarazioni di Ursula Von Der Leyen sulle vaccinazioni, poi rallentate dal taglio delle forniture. Il ritorno alla normalità sarà più lento del previsto non solo per i ritardi nei vaccini, ma anche per la diffusione delle varianti, alcune delle quali compromettono l'efficacia dei vaccini.

"Potremo avere un liberi tutti quando le varianti circoleranno meno, quando gran parte della popolazione sarà vaccinata. In mezzo ci sono tante tonalità di grigio, man mano che si va avanti con la vaccinazione devono esserci riaperture, sempre pronti a fare passi indietro laddove ci fossero problemi a livello locale, come sta accadendo in Umbria", ha detto Sileri. 

Il viceministro del governo dimissionario si mantiene cauto sugli spostamenti fra regioni ma ritiene possibile la riapertura di bar, pub e ristoranti. 

 

L'inizio della vaccinazione anti-Covid 19 in Italia
© Foto : Ministero della Salute
L'inizio della vaccinazione anti-Covid 19 in Italia

"Un'apertura serale dei ristoranti secondo me è possibile nelle aree gialle, mentre serva cautela sugli spostamenti tra Regioni", ha specificato.  

 

Il voto su Rousseau

Oggi il M5S deciderà con il voto su Rousseau se entrare nel governo guidato da Mario Draghi o se restare fuori per fare opposizione. Pierpaolo Sileri ha fatto la sua dichiarazione di voto. 

"Su Rousseau voterò sì al governo Draghi, l’Italia ha bisogno di soluzioni e non di problemi", ha detto. Sul governo di unità nazionale, in cui "tutti devono pensare ed agire nel rispetto" delle altre forze politiche, "sarebbe stato bello poter vedere questa coesione anche mesi fa, quando è arrivata la pandemia”, ha commentato. 

Il voto su Rousseau è aperto oggi dalle 10 alle 18 per gli attivisti del movimento.

Tags:
vaccino, Coronavirus, M5S, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook