00:39 06 Marzo 2021
Politica
URL abbreviato
9410
Seguici su

Per Matteo Salvini il Movimento 5 Stelle starebbe facendo di tutto per impedire alla Lega di partecipare al nuovo esecutivo Draghi.

Il Movimento 5 Stelle starebbe, ed in particolare il garante Beppe Grillo, starebbe studiando un piano per impedire la partecipazione della Lega Nord al nuovo governo presieduto da Mario Draghi.

E' questa l'accusa lanciata dal leader del Carroccio, Matteo Salvini, il quale ha stigmatizzato il tentativo con il quale, a suo modo di vedere, i pentastellati vorrebbero "imporre al professor Draghi un governo senza la Lega".

Un atteggiamento, quello del M5S, che viene definito da Salvini incredibile, il quale a sua volta ribadisce l'apertura della Lega all'esecutivo dell'ex presidente della BCE:

"Noi confermiamo il nostro atteggiamento costruttivo, responsabile, positivo e che ci porta a non parlare di ministeri e a non mettere veti su nessuno. on è questo che ha chiesto Mattarella e che serve all’Italia", è stato l'affondo dell'ex ministro dell'Interno.

Il secondo giorno di consultazioni

Ieri, nel corso della seconda giornata di consultazioni, Mario Draghi ha incassato la fiducia da parte di una buona parte delle forze parlamentari.

A sostegno dell'ex governatore della BCE si sono infatti schierati il Partito Democratico di Nicola Zingaretti, la Lega di Matteo Salvini e Forza Italia di Silvio Berlusconi.

No perentorio, invece, quello di Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni, che ha espresso rammarico per la decisione di Draghi di non prendere in considerazione l'ipotesi di una flat tax.

A metà strada la posizione del Movimento 5 Stelle che, pur registrando una "buona impressione" dopo l'incontro con il premier incaricato, hanno ribadito la propria intenzione di non voler far parte del governo "a tutti i costi".

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella accoglie Draghi
© Foto : Paolo Giandotti - Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)
In crescita la popolarità di Draghi

Un sondaggio eseguito dall'Istituto Demos sembrerebbe dimostrare che gli italiani abbiano apprezzato la scelta del presidente Sergio Mattarella di conferire l'incarico di Presidente del consiglio ad un tecnico.

Stando ai dati riportati nella giornata odierna, il professor Mario Draghi, ha raggiunto il 71% dell'indice di gradimento, superando così addirittura l'ex premier Giuseppe Conte, che resta fermo al 65%.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook