15:06 05 Marzo 2021
Politica
URL abbreviato
Di
134
Seguici su

Il reggente del M5S parla del confronto all’interno del Movimento e del rinvio del voto sulla piattaforma Rousseau, ma non c'è scissione.

Il Movimento 5 Stelle è sempre più in fibrillazione. La decisione sull’appoggio al governo Draghi rischia di spaccare il M5S e intanto, per cercare di trovare una base comune, il voto sulla piattaforma Rousseau è slittato.

Ma il reggente, pentastellato della prima ora, Vito Crimi si dice tranquillo e al Corriere della Sera spiega di andare avanti “a testa alta per la mia strada, che è seria e matura”.

Dopo l’incontro con il premier incaricato Mario Draghi, Crimi ammette che l’ex governatore della Bce gli ha fatto “una buona impressione” sui temi e ha presentato “un programma di notevole spessore”. Inoltre ha dato alcune garanzie” al M5S come sul “Mes, sulla scuola, sulla continuità con il governo Conte”.

E sul rinvio del voto della base Crimi spiega che “non andremo al governo a tutti i costi, ci stiamo confrontando” perché “dobbiamo mettere ai voti un programma, aspettiamo che Draghi veda le parti sociali e tiri le conclusioni”.

La possibile spaccatura

In caso di vittoria del sì su Rousseau, però, Crimi esclude una scissione.

“Anche quando siamo andati al governo con la Lega e poi con il Pd sembrava fossimo al redde rationem, invece in dieci anni non ci siamo mai spaccati. Non c’è una scissione in atto, ci sono persone che la pensano in modo diverso”.

Per il reggente politico il punto chiave è “capitalizzare quel 32% di voti nelle urne e non lasciare il governo nelle mani sbagliate”.

Ma intanto una ventina di senatori hanno abbandonato il Movimento e “se qualcun altro deciderà di non adeguarsi al voto degli iscritti ne prenderemo atto, ma non si può definire scissione”.

Il M5S vuole un governo politico

Crimi non vuole discutere di nomi per i ministeri, ma ribadisce che “di certo chiediamo un governo politico con personalità di alto profilo, ma su questo penso che Draghi si confronterà con il presidente della Repubblica”.

Tags:
Mario Draghi, M5S
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook