01:39 05 Marzo 2021
Politica
URL abbreviato
369
Seguici su

Piroetta del ministro degli Esteri uscente nel giorno in cui si aprono le consultazioni del presidente incaricato. "Mostriamo di essere forza politica matura", ha scritto in una nota.

Nonostante la posizione di arroccamento sul no al governo tecnico, il leader dei grillini, Luigi Di Maio, mostra un'apertura nei confronti del premier incaricato e ritiene un "dovere" e un segnale di maturità da parte del Movimento 5 stelle, la partecipazione alle consultazioni. 

"Oggi si aprono le consultazioni del premier incaricato Mario Draghi, secondo la strada tracciata dal capo dello Stato Sergio Mattarella, che ringrazio. In questa fragile cornice, il MoVimento 5 Stelle ha, a mio avviso, il dovere di partecipare, ascoltare e di assumere poi una posizione sulla base di quello che i parlamentari decideranno", ha scritto in una nota il ministro degli Esteri uscente.

Di Maio ricorda che il movimento è "la prima forza politica in Parlamento e il rispetto istituzionale viene prima di tutto".

"Comprendo gli animi e gli umori di queste ultime ore. È legittimo - prosegue la nota - Stiamo attraversando una crisi politica complessa e non abbiamo colpe. Non abbiamo cercato noi lo stallo, non avremmo mai voluto che si arrivasse a questo, con una pandemia in corso e le enormi difficoltà del nostro comparto produttivo. Ma è proprio in queste precise circostanze che una forza politica si mostra matura agli occhi del Paese", conclude Luigi Di Maio.

Via alle consultazioni 

Dopo l'incarico ricevuto ieri, nel pomeriggio avranno inizio le consultazioni di Draghi con i rappresentanti delle forze politiche in parlamento. Al termine del giro di consultazioni Draghi scioglierà la riserva sul suo incarico.

Tags:
Mario Draghi, Luigi Di Maio, M5S, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook