15:18 07 Marzo 2021
Politica
URL abbreviato
143
Seguici su

Il presidente del Consiglio dimissionario Giuseppe Conte non sta rilasciando intervista, pareri o indicazioni. Si è chiuso nel rispettoso silenzio dovuto al ruolo del Capo dello Stato.

Dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri giunge una secca smentita dei virgolettati attribuiti dai quotidiani come pronunciati dal presidente del Consiglio dimissionario Giuseppe Conte.

Nulla di quanto viene riportato da alcuni quotidiani nazionali in queste ore è stato davvero detto da Giuseppe Conte, il presidente dopo le dimissioni si è chiuso nel silenzio rispettoso del ruolo del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Questo il contenuto di una comunicazione ufficiale di Palazzo Chigi riportata da RaiNews.

“Le ricostruzioni riportate dai quotidiani in questi giorni sul Presidente del Consiglio, non ultime quelle apparse questa mattina, sono destituite di ogni fondamento e veridicità”, si legge sul sito della testata giornalista della Rai.

La Presidenza del Consiglio fa notare come “il riserbo e il silenzio del Presidente del Consiglio sono un doveroso e rispettoso ossequio non solo alla delicata situazione politica che sta vivendo il nostro Paese, ma anche al lavoro che il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il Presidente della Camera Roberto Fico stanno svolgendo in questi giorni”.

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, partecipa alla sessione dei lavori della prima giornata. G20

Questa mattina anche il Quirinale ha dovuto smentire alcune cose scritte sui quotidiani, in merito al presunto contatto tra Mattarella e Draghi.

I messaggi politici incrociati di oggi

E mentre il presidente della Camera dei deputati Roberto Fico prosegue la sua seconda e ultima giornata di consultazioni esplorative, i messaggi politici lanciati dai vari partiti attori principali di questa crisi di governo vengono recapitati anche a mezzo stampa.

Questa mattina la capogruppo alla Camera di Italia Viva, Maria Elena Boschi, ha affermato che l’accordo scritto va bene, ma se ci sono idee e se la notte si può dormire invece di fare riunioni a Palazzo Chigi.

Il Partito Democratico sembra invece mantenere la sua linea di intransigenza sul nome di Giuseppe Conte. Dopo il comunicato del segretario Zingaretti di ieri, questa mattina, ancora a mezzo stampa, è giunta la conferma da parte di Goffredo Bettini (PD): O Conte, o elezioni a giugno.

Tags:
Politica Italiana, Giuseppe Conte
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook