13:37 15 Maggio 2021
Politica
URL abbreviato
208
Seguici su

Terzo ed ultimo giorno di consultazioni al Quirinale, dove il presidente Mattarella incontrerà Salvini, Meloni e Tajani in rappresentanza delle opposizioni. Concluderà il M5S.

Il terzo giorno di consultazioni al Quirinale inizierà questo pomeriggio di venerdì 29 gennaio alle ore 16.00. Sono attesi dal presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella i principali segretari e presidenti dei partiti di opposizione del centrodestra e in conclusione il M5S.

Saliranno al Colle, quindi, i gruppi parlamentari di Fratelli d’Italia, di Lega Salvini Premier, e di Forza Italia.

Oltre a Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Antonio Tajani, incontreranno il presidente Mattarella anche i rappresentanti del gruppo misto.

Ultimo partito a salire al Colle, alle ore 17.00, sarà il Movimento 5 Stelle.

Matteo Renzi chiude a Giuseppe Conte

Il fondatore di Italia Viva Matteo Renzi ieri è salito al Quirinale per incontrare Mattarella con la delegazione parlamentare di Italia Viva.

Al termine del colloquio ha fatto capire che per lui Conte non è il nome principale, e vorrebbe un mandato esplorativo per una figura terza che possa rimettere insieme la maggioranza. A Matteo Renzi interesserebbe parlare prima di programma politico e solo dopo di nomi, per questo si è detto favorevole anche ad un governo istituzionale formato da “tecnici”. Ciò che esclude sono le elezioni anticipate.

Tuttavia il Partito Democratico, che ha incontrato Mattarella ieri un’ora dopo il partito di Renzi, ha ribadito la sua volontà di appoggiare il nome del presidente del Consiglio dimissionario Giuseppe Conte.

Si attende il Movimento 5 Stelle

L’attesa è per il partito dei grillini che non a caso chiuderà il giro di consultazioni del presidente Mattarella.

Quest’ultimo avrebbe dato loro tutto il tempo di trovare a Giuseppe Conte una maggioranza, secondo il Corriere della Sera, per formare un Conte ter. Tuttavia i numeri, in particolare al Senato, per sostenere ancora una volta un governo a trazione Giuseppe Conte, non sarebbero sufficienti.

Eclatante in tal senso ieri il ripensamento del senatore di Cambiamo!, Luigi Vitali, il quale aveva incontrato Conte a Palazzo Chigi dandogli il suo sostegno, poi ritirato perché contattato da Silvio Berlusconi in persona e poi anche da Matteo Salvini.

Le loro telefonate gli hanno fatto cambiare idea ha riferito in varie interviste.

Tags:
Politica Italiana
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook