11:11 02 Marzo 2021
Politica
URL abbreviato
130
Seguici su

Alla fine del CdM il presidente del Consiglio si recherà al Quirinale per rassegnare le dimissioni al presidente della Repubblica.

E' iniziato poco dopo le nove e mezza l'ultimo Consiglio dei Ministri convocato dal premier Giuseppe Conte per comunicare al governo la volontà di recarsi al Quirinale per rassegnare le dimissioni. 

Il Conte ter sembra "ormai inevitabile ed è l’unico sbocco di questa crisi scellerata. Un passaggio necessario all’allargamento della maggioranza. Noi restiamo al fianco di Conte, continueremo a coltivare esclusivamente l’interesse dei cittadini, puntiamo a uscire nel più breve tempo possibile da questa situazione di incertezza che non aiuta". Così affermano in una nota i capigruppo di Camera e Senato del Movimento cinque stelle, Davide Crippa ed Ettore Licheri.

Un governo di larghe intese per "correre sul Recovery, seguire il piano vaccinazioni, procedere immediatamente ai ristori per le aziende più danneggiate dalla pandemia", conclude la nota.

Lo stesso ha dichiarato ieri il segretario del PD, Nicola Zingaretti, che vede come soluzione alla crisi politica un esecutivo autorevole che duri sino a fine legislatura, con una "base parlamentare ampia e di forte impianto europeista". Giuseppe Conte dovrà essere "il punto di equilibrio in questo momento più avanzato", secondo il leader di centrosinistra.

Di Maio 

Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, chiede stabilità al Paese.

"Bisogna dare stabilità al Paese. E per farlo serve serietà", scrive su Facebook in un post in cui rinnova la fiducia a Conte.

De Micheli: Allargare maggioranza

"Ora si apre la fase è bene che emergano conferme per rispondere all'appello del Pd e dello stesso Conte per allargare la maggioranza e affrontare i problemi veri del Paese", ha affermato il ministro dei Trasporti, Paola De Micheli.

Guerini: Conte imprescindibile

"Adesso intorno a Conte, figura imprescindibile di equilibrio tra le forze che fin qui hanno sostenuto il governo - dice il titolare della Difesa - si metta in moto la costruzione di una maggioranza politica e parlamentare", ha detto il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, in un'intervista a La Repubblica. 

Il ministro punta il dito contro Italia viva che ""ha la responsabilità di aver causato una crisi inspiegabile di cui sfuggono ai più le ragioni politiche".

Berlusconi: Unità o voto

Il leader di Forza Italia chiede un "esecutivo di unità o voto". E specifica: "Forza Italia è nel centrodestra".

Secondo Berlusconi c'è bisogno di "un governo che unisca davvero il Paese. Credo che gli italiani oggi non vogliano una guerra fra i partiti, ma che le forze migliori del Paese si mettano insieme per fare le cose indispensabili per uscire dall`emergenza. Parlo non solo della politica, ma dell`impresa, del lavoro, della cultura, della scienza", ha detto.

Le dimissioni di Conte

Nella serata di ieri Palazzo Chigi in una nota ha comunicato che il presidente del Consiglio Giuseppe Conte avrebbe rassegnato le dimissioni nella giornata di oggi durante un Consiglio dei ministri che ha avuto inizio alle 9.37.

Il premier comunicherà ai ministri la volontà di recarsi al Quirinale per rassegnare le sue dimissioni e, a seguire, Conte si recherà dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Tags:
Giuseppe Conte, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook