21:50 25 Febbraio 2021
Politica
URL abbreviato
402
Seguici su

Il numero di casi di antisemitismo nel Paese è cresciuto in modo significativo nel 2019, cosa che gli esperti austriaci attribuiscono in parte all'aumento dell'estremismo di destra.

Il governo austriaco giovedì ha rivelato una vasta strategia nazionale per combattere l'antisemitismo nel Paese attraverso la protezione della comunità ebraica e punizioni più severe per i crimini d'odio, ha riferito AP News.

La strategia nazionale includerà la protezione delle sinagoghe e il miglioramento dell'istruzione sul giudaismo, ha riferito la testata.

Oskar Deutsch, presidente della Comunità ebraica di Vienna, ha commentato la nuova strategia del governo austriaco, sottolineando che "gli ebrei sono sempre i primi a essere colpiti" dalla discriminazione.

Nel 2019, ci sono stati 550 episodi di antisemitismo in Austria, secondo un rapporto congiunto dell'Israelitische Kultusgemeinde Wien (IKG) e del Forum contro l'antisemitismo.

"Questo è il doppio rispetto a cinque anni fa", ha detto all'AP Karoline Edtstadler, che è ministro per l'UE e la costituzione presso la Cancelleria austriaca nel governo del cancelliere Sebastian Kurz, commentando i risultati della relazione.

Secondo il rapporto, un aumento dell'estremismo di destra ha contribuito all'aumento degli episodi antisemiti.

“La recrudescenza degli episodi antisemiti si è manifestata in diversi modi, con il metodo di attacco principale che è stato il danno alla proprietà. Il clima di estremismo di destra sia in Austria che in tutto il continente è stato fondamentale nell'incentivare questa tendenza, afferma il rapporto”, spiega il rapporto.

“L'Austria non è un'isola. L'aumento degli incidenti antisemiti può, sfortunatamente, essere osservato in tutta Europa", disse all'epoca anche il presidente IKG Oskar Deutsch all'agenzia di stampa austriaca. "La lotta contro l'antisemitismo non è solo un compito ebraico, ma piuttosto un compito per la società nel suo complesso. I risultati del 2019 ci mostrano che è arrivato il momento di agire".

Più di recente, nell'agosto 2020, un aggressore ha attaccato Elie Rosen, un leader della comunità ebraica nella città meridionale di Graz, con una mazza di legno, ha riferito la Reuters all'epoca, spingendo Kurz e altri alti funzionari a condannare l'aggressione.

Correlati:

Ostaggi in un ristorante a Vienna dopo sparatoria presso sinagoga, la notizia smentita
Capsula del tempo di 150 anni trovata nella sinagoga più antica di Manchester
Attacco armato vicino sinagoga nel centro di Vienna, un morto, almeno 15 feriti - Video
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook