23:35 05 Marzo 2021
Politica
URL abbreviato
7316
Seguici su

Ha tenuto l'aula di Palazzo Madama con il fiato sospeso votando in extremis, costringendo la presidente a ricorrere per la prima volta nella storia al VAR. Il suo voto ha salvato il premier.

Il senatore Lello Alfonso Ciampolillo è diventato la nuova star di Palazzo Madama. L'ex grillino con un passato da attivista ambientalista e convinto animalista, assente ai due giri di appello, ha tenuto l'aula con il fiato sospeso rientrando a votazione chiusa e costringendo la presidente Maria Elisabetta Casellati a ricorrere al VAR per la riammissione. Il suo voto favorevole, assieme a quello del socialista Nencini, ha salvato sul filo del rasoio il premier Conte. 

"In un momento così critico per il Paese, ritengo necessario porre l'interesse comune della Nazione avanti a singoli interessi di partito. Aprire una crisi di governo nell'attuale condizione di emergenza sanitaria, economica, sociale, significherebbe solamente aggravare una situazione già compromessa con ulteriori ripercussioni sulla popolazione già stremata". Così il senatore del gruppo misto spiega il so voto favorevole, secondo quanto riporta l'agenzia Adnkronos. 

Per Ciampolillo è il "momento di pensare al Paese". Il suo voto di fiducia pone al governo due priorità: la riapertura di scuole e imprese. "Il Paese ha bisogno di un governo che operi e non di queste sceneggiate da Prima Repubblica", obietta.

A chi gli chiede se abbia ricevuto offerte per incarichi, il senatore risponde che il suo voto è "nell'interesse di tutti gli elettori e della nostra bellissima Nazione che deve rialzarsi quanto prima". Se il governo Conte avrà un futuro "lo vedremo in questi giorni. Dobbiamo puntare su questi temi che ho appena citato, fondamentali per la ripartenza", conclude. 

Chi è Ciampolillo

L'attività politica del senatore pugliese Lello Ciampolillo inizia dai movimenti, come attivista ambientalista mobilitato contro lo sradicamento degli olivi colpiti dalla Xylella in Puglia. Convinto animalista di fede vegana, Ciampolillo si candida a sindaco di Bari con il Movimento cinquestelle che, dopo il modesto risultato delle amministrative, lo porterà a Palazzo Madama alle politiche del 2013.

In Senato viene letto il  7 maggio dello stesso anno membro della VIII Commissione permanente per i Lavori pubblici e dal 5 giugno  di quella per l'indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi. Alle politiche del  2018 viene rieletto ma il 31 gennaio 2020 è espulso dal partito al termine dell'istruttoria sui mancati rimborsi.

Ciampolillo si è distinto per le sue posizioni a favore della liberalizzazione della cannabis per uso terapeutico e in passato ha criticato alcune misure anti-covid, come l'utilizzo obbligatorio della mascherina all'aperto, pubblicando alcuni post a  riguardo sulla propria pagina Facebook. 

Cos'è il VAR 

La presidente del Senato è dovuta ricorrere al VAR per decidere sulla riammissione dei senatori Ciampolillo e Nencini. Assente ai primi due giri di chiamate, l'ex grillino a votazione conclusa ha chiesto di poter votare, dopo essere rientrato in aula. La Casellati lo ha bloccato replicando di aver già chiuso le votazioni, facendo esplodere le proteste in aula. 

Ha così chiesto l'assistenza video, il Var per l'appunto, per verificare la presenza in aula dei due senatori. E' stata la prima volta nella storia del Senato. 

In seguito alla verifica i due senatori hanno espresso il voto favorevole alla fiducia per il premier Conte, che ha ottenuto la maggioranza relativa di 156 favorevoli contro 140 contrari e 16 astenuti di Italia viva.

Tags:
Senato, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook