14:56 13 Maggio 2021
Politica
URL abbreviato
0 04
Seguici su

Negli ultimi tre decenni, due dei sei presidenti del Paese sono stati donne: Gloria Macapagal Arroyo e Corazon Aquino.

Rodrigo Duterte, il Presidente delle Filippine, sta affrontando la reazione negativa delle donne politiche filippine dopo aver suggerito che queste non sono adatte a guidare il Paese.

Facendo infatti riferimento alla presunta differenza emotiva tra uomini e donne, Duterte ha messo a tacere le ipotesi secondo cui sua figlia sarebbe pronta a succedergli l'anno prossimo.

"Non è una cosa per donne. Sai, l'assetto emotivo di una donna è completamente diverso da quello di un uomo", ha detto.

In risposta Etta Rosales, presidente emerito della lista del partito di Akbayan - definito dal 'South China Morning Post' un "gruppo moderato di sinistra di legislatori dell'opposizione" - ha rilasciato la seguente dichiarazione: "La presidenza è per gli uomini? In quale caverna vive Rodrigo Duterte?".

"La presidenza è un lavoro per coloro che possono effettivamente guidare il Paese nel rispetto dei diritti umani, della giustizia e della democrazia. Non è un lavoro per tiranni macellai, leader misogini, adulatori, incorreggibili, pigri e incompetenti", ha aggiunto.

Sentimento condiviso da un altro membro di Akbayan, il senatore Risa Hontiveros, la quale ha dichiarato che "le donne filippine hanno sopportato e superato qualcosa di peggio di questa presidenza, e noi ce la riprenderemo per dare al Paese un'amministrazione più degna".

Dall'istituzione della Quinta Repubblica nel 1987, le Filippine hanno avuto due presidenti donne: Gloria Macapagal Arroyo e Corazon Aquino.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook