02:14 17 Gennaio 2021
Politica
URL abbreviato
0 67
Seguici su

Dopo il caos di mercoledì a Washington, quando i sostenitori del presidente Trump hanno preso d'assalto il Campidoglio durante la certificazione dei risultati delle elezioni del 2020, i membri del Congresso degli Stati Uniti, hanno esortato a rimuovere Trump dall'incarico attraverso la procedura descritta nel 25° Emendamento.

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo e il segretario al Tesoro Steven Mnuchin hanno discusso di invocare il 25° emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti per rimuovere il presidente Donald Trump dall'incarico a seguito delle conseguenze dell'insurrezione, tuttavia hanno poi rinunciato a questa decisione, ha riferito la CNBC giovedì, citando fonti.

Secondo quanto riferito, Pompeo e Mnuchin hanno avuto conversazioni informali all'interno dei propri dipartimenti sul 25° emendamento, la cui invocazione avrebbe avviato il processo di destituzione dall'incarico di Trump.

Secondo quanto riferito, i membri del governo di Trump hanno concluso che l'attuazione del processo di rimozione avrebbe richiesto troppo tempo, poiché Trump alla fine avrebbe lasciato l'incarico il 20 gennaio. 

"Il piano generale ora è quello di far scadere il tempo", ha riferito il canale citando un ex alto funzionario dell'amministrazione consapevole della situazione. "Ci sarà una resa dei conti per questo presidente, ma non è necessario che avvenga nei prossimi 13 giorni".

La seconda fonte citata afferma che mentre Pompeo avrebbe potuto sondare il terreno, sebbene non fosse stato disposto ad agire da solo.

"Il primo giuramento che il segretario ha fatto è stato a West Point, e quel giuramento era sulla Costituzione", cita la CNBC citando questa fonte.

Nessuna azione formale è stata intrapresa per invocare l'emendamento al momento, secondo il rapporto, citando gli altri capi dipartimento di Trump, che hanno negato che ci sia mai stata una discussione del genere.

Diversi legislatori statunitensi hanno preso in considerazione gli sforzi per rimuovere il presidente degli Stati Uniti Donald Trump dall'incarico a seguito dell'insurrezione di mercoledì.

Le richieste di impeachment e l'assalto al Campidoglio

In precedenza, il presidente della Camera Nancy Pelosi e il leader della minoranza democratica al Senato Chuck Schumer, tra molti altri, avevano chiesto la rimozione di Trump dall'incarico attraverso il 25 ° emendamento e, in caso di fallimento, avevano affermato che le procedure di impeachment dovevano essere avviate contro il presidente Trump. Invocare il 25° emendamento richiede l'intervento del vicepresidente e della maggior parte dei membri del governo.

Mercoledì, i sostenitori del presidente in carica hanno fatto irruzione nel Campidoglio degli Stati Uniti poco dopo la manifestazione dove ha parlato, sostenendo che le elezioni gli erano state rubate e presumibilmente esortando la folla a marciare verso il Campidoglio. Almeno quattro persone sono morte nella rivolta, inclusa una veterana che è stata uccisa a colpi di arma da fuoco all'interno del Campidoglio da un agente di polizia. Il Campidoglio ha subito gravi danni a causa della rivolta.

Trump ha ripetutamente invitato i manifestanti a rimanere pacifici e rispettare la legge e l'ordine, esortandoli a tornare a casa.

I disordini hanno costretto a ritardare l'approvazione del Congresso della vittoria di Joe Biden, che è stata certificata giovedì. Alla fine, il Congresso lo ha approvato in una sessione a tarda notte, respingendo le obiezioni sui risultati in Arizona e Pennsylvania.

Correlati:

Ministro Esteri Iran: Trump presidente canaglia che ha cercato vendetta contro il suo stesso popolo
Berlusconi: "centrodestra liberale" non può che condannare Trump
Video: Trump concede vittoria a Biden dopo assalto dei manifestanti al Campidoglio
Tags:
Steven Mnuchin, Mike Pompeo, Washington, Violenza, Donald Trump, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook