10:40 16 Maggio 2021
Politica
URL abbreviato
12125
Seguici su

Luigi Di Maio pronto al rimpasto ma blinda il suo posto alla Farnesina, e in caso di un terzo governo in questa legislatura si dice non disponibile.

Luigi Di Maio, ex capo del M5S, intervenendo su Rai 1 lancia un doppio messaggio. Da una parte dice che lui sta bene al ministero degli Esteri, ergo, in caso di rimpasto lui non si muove da lì. Dall’altra in caso di caduta di Conte, lui non è disponibile a fare il presidente del Consiglio: ha giù detto di no due volte.

Sulla crisi politica innescata da Matteo Renzi nel pieno di una pandemia, e quando nessun altro governo al mondo si è sognato di fare una cosa simile, Luigi Di Maio invita ancora una volta alla responsabilità.

“Deve prevalere la responsabilità, c’è una forza che sta mettendo in discussione il governo così com’è, se ci sono cose da mettere a posti si fa”, ha detto Di Maio.

Serve responsabilità afferma Di Maio perché “abbiamo di fronte mesi cruciali in cui ci giochiamo l’Italia dei prossimi 10 anni”.

Il rimpasto

Per quanto riguarda il rimpasto tanto osteggiato dal Movimento 5 Stelle, a quanto pare deve essere stato digerito o quanto meno dal grillino di Pomigliano d’Arco, perché sollecitato sull’argomento non ha sbattuto le porte in faccia all’eventualità, ma ha fatto capire che lui sta bene dove sta.

Di Maio si è detto fiducioso sul fatto che il governo non cadrà, probabilmente perché alla fine Renzi si accontenterà di un avvicendamento alle poltrone ministeriali e di qualche concessione sul Recovery plan.

Il tema scuola

Di Maio afferma che sulla scuola il ministro Lucia Azzolina era pronto a ripartire il 7 gennaio, ma sono alcune Regioni che si sono dette non pronte per quella data. Ecco il motivo del rinvio all’11 gennaio.

L’obiettivo è far ripartire la scuola in presenza il prima possibile, in sicurezza e con un sistema dei trasporti efficiente, a “alcune Regioni non sono ancora pronte, diamo loro qualche altro giorno”, ha detto Di Maio facendo capire che sono i territori a non essere pronti e non loro al governo.

Tags:
Luigi Di Maio
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook