17:28 27 Gennaio 2021
Politica
URL abbreviato
242
Seguici su

Il Qatar ha notificato al Consiglio di sicurezza e il Segretario generale delle Nazioni Unite l'irruzione di motoscafi militari del Bahrein nelle acque territoriali del Qatar.

Stando al comunicato del ministero degli Esteri del Qatar, l'incidente è avvenuto il 25 novembre dello scorso anno.

"L'invasione illegale dei motoscafi militari del Bahrein nelle acque territoriali del Qatar viola la sovranità dello stato del Qatar, minaccia il suo benessere regionale e la sua sicurezza", afferma il documento inviato al Consiglio di sicurezza e al Segretario generale dell'organizzazione.

Doha ha invitato le Nazioni Unite ad agire per "porre fine alle violazioni da parte del Bahrein".

In precedenza il Qatar aveva presentato una querela al Consiglio di sicurezza e al Segretario generale delle Nazioni Unite per la violazione del suo spazio aereo da parte dei caccia del Bahrein il 9 dicembre. Doha ha sottolineato che non si tratta del primo caso di violazione dello spazio aereo del Paese da parte di aerei militari del Bahrein.

Jamal Faris Al Ruwei, rappresentante permanente del Bahrein presso le Nazioni Unite, ha respinto le accuse del Qatar in una lettera ufficiale al Segretario Generale e Rappresentante Permanente delle Nazioni Unite in Sud Africa.

L'inasprimento delle relazioni tra il Qatar e il vicino Bahrein si è verificato in seguito alle dichiarazioni di funzionari di Qatar, Arabia Saudita e Kuwait sulla volontà dei sei Paesi del Golfo Arabo di risolvere il conflitto intorno al Qatar, iniziato 3 anni e mezzo fa con la rottura delle relazioni diplomatiche con Doha da parte di Arabia Saudita, Bahrein, Emirati Arabi Uniti e Egitto.

In precedenza, il ministero degli Esteri kuwaitiano aveva affermato che tutte le parti in conflitto stavano cercando di risolverlo, e il ministero degli Esteri dell'Arabia Saudita ha specificato che ciò potrebbe avvenire al vertice dei leader delle monarchie arabe il 5 gennaio 2021 a Riyad.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook