22:24 15 Gennaio 2021
Politica
URL abbreviato
113
Seguici su

L'accordo sulla Brexit della vigilia di Natale è stato concluso da Londra e Bruxelles quattro anni dopo che la Gran Bretagna ha votato per lasciare la Ue e una settimana prima che il periodo di transizione stesse per scadere.

Il primo ministro Boris Johnson si rivolgerà al parlamento prima del voto sullo storico progetto di legge sulla Brexit Regno Unito-UE, concluso all'ultimo momento.

Johnson si appresta a celebrare l'accordo raggiunto il 24 dicembre che preserva l'accesso a dazi e quote zero della Gran Bretagna al mercato dell'UE definendolo una dimostrazione che "la Gran Bretagna può essere allo stesso tempo europea e sovrana", si legge in alcuni passaggi dei comunicati rilasciato dal suo ufficio.

Il primo ministro loderà anche i negoziatori che sono stati in grado di mostrare "una velocità sorprendente" nel garantire l'accordo in mezzo alla pandemia.

Mentre i parlamentari si preparano a votare l'accordo che ripristina le relazioni della Gran Bretagna con i suoi vicini, Boris Johnson aprirà il dibattito di mercoledì sottolineando che lo scopo alla base della legislazione è quello di "realizzare qualcosa che il popolo britannico ha sempre saputo nei loro cuori che poteva essere fatto, ma che ci era stato detto fosse impossibile".

"Quelli di noi che hanno fatto campagna affinché la Gran Bretagna lasciasse l'UE non hanno mai cercato una rottura con i nostri vicini più vicini... Ciò che cercavamo non era una rottura ma una risoluzione, una risoluzione della vecchia e controversa questione delle relazioni politiche della Gran Bretagna con l'Europa, che ha tormentato la nostra storia del dopoguerra , dirà Boris Johnson ai parlamentari.

Mentre il premier sollecita un voto sull'accordo sulla Brexit, una bozza di 80 pagine della quale è stata pubblicata dal governo martedì, dirà:

"Ora apriremo un nuovo capitolo nella nostra storia nazionale, concludendo accordi di libero scambio in tutto il mondo, aggiungendo accordi con 63 paesi che abbiamo già raggiunto, e riaffermando la Gran Bretagna globale come una forza liberale che guarda all'esterno".

In vista di quello che dovrebbe essere un rapido passaggio alla Camera dei Comuni dopo che sia i laburisti che il gruppo di ricerca europeo dei parlamentari conservatori (ERG) pro-Brexit hanno indicato il 29 dicembre che lo sosterranno, Johnson concluderà dicendo:

"Con questo disegno di legge, saremo un vicino amichevole, il miglior amico e alleato che l'UE possa avere, lavorando fianco a fianco ogni volta che i nostri valori e interessi coincideranno mentre soddisfaremo il desiderio sovrano del popolo britannico di vivere secondo le proprie leggi, fatte dal proprio parlamento eletto. Questa è la storica risoluzione di questo disegno di legge".

Un accordo storico

L'accordo senza precedenti sulle future relazioni commerciali e di sicurezza del Regno Unito con l'Unione europea, contenente disposizioni su argomenti che vanno dalla cooperazione nucleare civile e le interconnessioni energetiche alla pesca e all'aviazione, è stato raggiunto solo una settimana prima della fine del periodo di transizione della Brexit.

La Gran Bretagna è pronta a lasciare il mercato unico e l'unione doganale il 31 dicembre, con nuove disposizioni per consentire il commercio di merci senza dazi.

L'annuncio dello storico accordo ha fatto seguito a una chiamata finale tra il primo ministro Boris Johnson e il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

"Abbiamo ripreso il controllo dei nostri soldi, dei confini, delle leggi, del commercio e delle nostre acque di pesca. L'accordo è una notizia fantastica per le famiglie e le imprese in ogni parte del Regno Unito. Abbiamo firmato il primo accordo di libero scambio basato su tariffe zero e zero quote mai raggiunto", ha affermato Downing Street.

Von der Leyen ha riconosciuto che l'accordo è "equo" ed "equilibrato".

"È la cosa giusta e responsabile da fare per entrambe le parti... Alla fine di un negoziato di successo normalmente provo gioia. Ma oggi provo solo una tranquilla soddisfazione e, francamente, un sollievo", ha detto il presidente della Commissione europea.

​L'accordo garantisce scambi "a dazi zero e quote zero" su merci per un valore stimato di 668 miliardi di sterline nel 2019.

Gli esportatori, tuttavia, dovranno ora affrontare una serie di controlli alle frontiere dal 1° gennaio, mentre per la maggior parte dei cittadini britannici la libertà di circolazione nell'UE terminerà. Inoltre restano comunque una serie di nodi da sciogliere nell'ambito dell'accordo.

Correlati:

Brexit, Boris Johnson sarebbe pronto ad annunciare l'accordo che scongiurerà il No Deal
Robbie Williams si trasforma in Boris Johnson per il video del suo singolo natalizio - Video
Brexit, ecco tutti i nodi irrisolti dell'accordo
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook