21:53 15 Gennaio 2021
Politica
URL abbreviato
204
Seguici su

Matteo Renzi presenta il suo progetto "CIAO" con cui dire addio alla crisi economica usando i soldi dell'Unione Europea nei prossimi 7 anni. Ma non toglie la minaccia al Governo Conte.

“Ci stiamo giocando l’osso del collo, come ho detto in conferenza stampa ieri in Senato: non è tempo di meline. Per questo, abbiamo proposto di investire i soldi del Recovery Plan non su progetti evanescenti e raffazzonati ma sulle parole chiave dell’Italia del 2030”, nella sua newsletter settimanale Matteo Renzi torna sulla questione Recovery plan e non molla l’osso.

Il capo del piccolo partito afferma che “Italia Viva sta in maggioranza per cambiare le cose, non per occupare dei posti. Siamo l’unico partito che sta facendo politica sui contenuti.”

E i contenuti si chiamano “CIAO”, questo il nome originale che ha trovato al piano di Italia Viva per rilanciare l’Italia. Un bel piano CIAO per utilizzare i 209 miliardi di euro del Next Generation EU.

Ma se Renzi dovesse proseguire sulla strada della minaccia di staccare la spina all’attuale governo, il “Ciao!” potrebbe dirlo lui per sempre ad un posto in Parlamento. Dario Franceschini in una recente intervista gli ha infatti fatto capire che, in caso di elezioni anticipate, Italia Viva non entrerà in una coalizione guidata dal Partito Democratico e alle elezioni politiche dovrà presentarsi da sola e con una legge elettorale che però premia le coalizioni.

Le cose giuste di Renzi

“Oggi ho letto dei commenti fantastici: le cose che dice Renzi sono giuste, il problema è che le dice Renzi. Se non fosse una cosa seria ci sarebbe da ridere. Ma quello che è certo è che noi vogliamo spendere bene i soldi europei. Perché altrimenti ci strangoliamo con il debito e sprechiamo la più grande opportunità degli ultimi trent’anni”, conclude Renzi.

Tags:
Politica Italiana, Matteo Renzi
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook