11:30 22 Gennaio 2021
Politica
URL abbreviato
211
Seguici su

Giuseppe Conte a colloquio con la delegazione di Italia Viva a Palazzo Chigi. Si parla del progetto Recovery plan, della sua forma e dei contenuti. In gioco la tenuta del Conte bis.

Formalmente è iniziato a Palazzo Chigi l’incontro con Italia Viva e la sua delegazione per discutere di Recovery plan. Un “giro” di presentazione che il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sta effettuando con tutte le forze di maggioranza prese singolarmente, ma che ha come obiettivo anche quello di evitare uno strappo insanabile tra Conte e Italia Viva che porterebbe alla crisi di governo.

In programma quest’oggi vi è anche l’incontro con la delegazione di Leu, ma gli occhi sono puntati sull’incontro tra Conte, Maria Elena Boschi, Ettore Rosato, Davide Faraone, Luigi Marattin, ed i ministri Teresa Bellanova e Elena Bonetti.

Sul tavolo il Recovery plan e come usare i 209 miliardi di euro che la Commissione Europea metterà a disposizione degli Stati dell’UE una volta approvato il Bilancio comunitario 2021 – 2027 che dovrà essere ratificato dai 27 paesi presumibilmente entro la prossima Primavera.

Il ministro Bellanova, entrando a Palazzo Chigi, ha sottolineato il fatto che non si parla più di task force e di “emendamenti in legge di bilancio sulla task force” e che quindi ora si può iniziare “a lavorare per dare risposte alle emergenze”, riporta La Repubblica.

Alcuni giorni fa Ettore Rosato aveva pubblicamente affermato che Giuseppe Conte non aveva più la fiducia di Italia Viva.

Renzi passa la palla a Conte

“La palla adesso è nelle mani del Premier, dipende solo da lui. Le risposte le deve all’Italia, non a Italia Viva”, ha scritto Matteo Renzi nella sua newsletter settimanale inviata ai simpatizzanti del suo partito.

Renzi non è presente al confronto con Conte, così come anche Zingaretti non ha partecipato all’incontro sul Recovery plan ieri quando è toccato al PD incontrare il presidente del Consiglio.

Si tratta infatti di un incontro destinato ai rappresentanti delegati dei vari partiti che compongono la maggioranza.

Le frizioni Italia Viva con Franceschini

Italia Viva risponde attraverso il suo deputato Davide Faraone alle parole che Dario Franceschini ha affidato al Corriere della Sera.

"Franceschini somiglia sempre più alla Meloni che in piena pandemia non sa far altro che chiedere le elezioni. Tiriamoci su le maniche e risolleviamo il paese piuttosto. Se poi il presidente Mattarella valutasse opportuna la via del voto, l'affronteremo senza paura e a viso aperto come al solito."

Franceschini aveva infatti lanciato un messaggio all'ex compagno di partito Renzi, facendogli sapere a mezzo stampa che se farà cadere il governo l'unica strada saranno le urne e di non aspettarsi di essere convocato per costituire una coalizione con il PD.

Tags:
Giuseppe Conte, Italia Viva, Palazzo Chigi
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook