17:26 27 Gennaio 2021
Politica
URL abbreviato
422
Seguici su

Ettore Rosato apertamente dichiara che il suo partito, Italia Viva, non ha più fiducia nell'operato del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Si apre la crisi di governo in piena pandemia?

Inequivocabili le parole di Ettore Rosato di Italia Viva riguardo la loro collocazione come partito all’interno della maggioranza di Governo: “A oggi non c’è più la fiducia tra la maggioranza e il premier”.

Il coordinatore nazionale di Italia Viva ha pronunciato queste parole intervenendo a Sky Tg24, facendo capire che per loro l’esperienza di governo in questa maggioranza sta volgendo al termine.

La minaccia di ritirare i ministri di Italia Viva, quindi, non solo resta in piedi ma le parole del numero due del partito di Matteo Renzi sembrano condurre dritti alle elezioni politiche nel 2021.

Secondo Rosato Giuseppe Conte avrebbe perso la fiducia di tutta la maggioranza e tenta di tirare così dentro anche gli altri partiti della maggioranza.

Il premier ha sciupato la fiducia, dice, “bisogna ricostruirla” e lapidario: “Questo problema o lo risolve il premier o per noi questo governo è finito”.

“Gli altri partner di governo sono d’accordo con noi”, afferma Rosato e addirittura arriva a portare dalla sua parte i ministri del Movimento 5 Stelle.

“Anche i ministri del M5S non hanno apprezzato che il premier abbia mandato la ripartizione dei 210 miliardi del Recovery Fund alle due del mattino senza discuterne con nessuno, secretando i progetti, per approvarli alle nove in Consiglio dei ministri. Questo ha fatto cadere la nostra fiducia”.

Non sosteniamo un Recovery plan secretato

Rosato afferma che il problema è il segreto posto sui progetti del Recovery plan.

“Come si chiede a un ministro di approvare progetti secretati? È arroganza. C'è un'azione di un governo non trasparente che noi non sosterremo mai. Abbiamo fatto tante task force e stati generali inutili: c'è stato tempo perso”, ha aggiunto Rosato.

Tags:
Politica Italiana
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook